Maltempo, consumi record di energia (e la bolletta lievita)

Tra le conseguenze dirette dell’ondata di maltempo che sta interessando il nostro Paese, vi è l’aumento della spesa energetica. La necessità di riscaldare maggiormente le nostre abitazioni mette, infatti, a dura prova il nostro già tartassato portafogli: in questo periodo in cui freddo e neve la fa da padrona, si registra un maggior consumo da parte delle famiglie del +30% rispetto al mese di gennaio. Secondo le previsioni dell’O.N.F. – Osservatorio Nazionale Federconsumatori, se perdurerà questa grave situazione di freddo eccezionale, si registrerà un aumento del consumo medio di metano di 150 metri cubi, pari ad una maggiore spesa per una famiglia tipo di circa 135 Euro annui. L’incremento del consumo di metano (il consumo medio è di 1.400 metri cubi + 150 metri cubi per il freddo), determinerà una spesa nel 2012 di 1.411 Euro annui.

 “Si tratta – secondo l’Associazione – della spesa più alta mai registrata”. Ma non finisce qui perché, a causa dell’aumento della domanda di gas, il rischio è che aumenti anche il prezzo, così come già si inizia a registrare sul prezzo spot internazionale del gas (in aumento tra il +10% e il +15%)”. Rincaro che potrebbe trovarsi in bolletta già dal prossimo trimestre.  Per questo Federconsumatori ritiene che “la priorità del Governo deve essere quella di intervenire a sostegno delle famiglie in difficoltà, rivedendo i criteri di accesso al bonus gas e, più in generale, riducendo l’eccessiva imposizione fiscale che incide su ogni metro cubo consumato per il 37% portandolo progressivamente verso la media europea che è del 20%”.

Comments are closed.