CRTCU: nessuna provvigione agli agenti immobiliari non iscritti all’albo

L’agente immobiliare non iscritto nell’apposito ruolo tenuto presso la Camera di Commercio non ha diritto alla provvigione. E’ quanto ha sancito una sentenza della Corte Costituzionale (sent. n. 9380 del 27.6.2002) rilanciata dal CRTCU a seguito di numerose richieste di chiarimento pervenute ai propri sportelli. L’Associazione, richiamando un’altra sentenza (n. 8708 del 09.04.2009), ha spiegato che “tutti coloro che esercitano l’attività di mediazione per conto di imprese organizzate, anche in forma societaria, devono essere iscritti nell’apposito ruolo professionale, e nel caso di esercizio dell’attività di mediazione da parte di una società, i requisiti per l’iscrizione nel ruolo debbono essere posseduti dal legale rappresentante di essa ovvero da colui che da quest’ultima è preposto a tale ramo di attività”.  Ne consegue – spiega ancora la citata sentenza –  che per gli ausiliari della società di mediazione è prescritta l’iscrizione nel ruolo solo quando, per conto della società, risultino assegnati allo svolgimento di attività mediatizia in senso proprio, della quale compiono gli atti a rilevanza esterna, con efficacia nei confronti dei consumatori, ed impegnativi per l’ente da cui dipendono; essa non è invece richiesta per quei dipendenti della società che esplicano attività accessoria e strumentale a quella di vera e propria mediazione, in funzione di ausilio ai soggetti a ciò preposti.

Nei casi portati a conoscenza al CRTCU, l’intera trattativa, dalla visita iniziale dell’immobile alla stipula del contratto, erano stati gestiti esclusivamente da “agenti” non abilitati, con il venir meno, appunto, del diritto alla pretesa provvigione.

Comments are closed.