Immobiliare.it: nel lusso non c’è crisi

C’è una fetta di mercato immobiliare dove non soffiano venti di crisi, quello degli immobili di alta gamma, di lusso, per intenderci. Soprattutto se ad acquistare è una clientela straniera. E’ quanto emerge dallo studio condotto da Immobiliare.it in collaborazione col portale internazionale LuxuryEstate.itGuardando gli annunci pubblicati negli ultimi tre anni, è evidente come, in corrispondenza con l’entrata in vigore dello scudo fiscale italiano, il mercato degli immobili di alta gamma abbia registrato una vera e propria impennata, con un aumento nelle ricerche pari a +28% nel primo trimestre del 2010. Così come avvenuto in Francia, dove l’elezione del socialista Hollande ha scatenato timori fra chi ha redditi tassabili di alto valore, prime fra tutte le dimore di lusso, oggi anche in Italia la paura di imposte patrimoniali legate a case di questo tipo potrebbe far registrare una lieve flessione nelle ricerche; i due portali hanno stimato la riduzione nell’ordine del 13%, dato comunque, vista la particolare natura degli acquirenti, non influente sull’effettiva conclusione delle compravendite. 

Se gli inglesi comprano molto nel Chianti, in generale gli stranieri si orientano principalmente su appartamenti con vista nelle città d’arte o di affari italiane (Roma e Milano in primis chiaramente), ville in località turistiche di chiara fama internazionale (Cortina, Costa Smeralda, Santa Margherita) o casali di alta gamma nelle campagne Toscane e Umbre. Guardano ancora con diffidenza, invece, ai cosiddetti immobili di prestigio “potenziale” (attici in nuove torri nelle grandi metropoli, nuovi interventi in zone di pregio delle città italiane o, ancora, ristrutturazioni di case nobili in località meno frequentate dalle élites internazionali).

Comments are closed.