Immoservice fallisce prima di consegnare le case: interviene Federconsum

Una società immobiliare ottiene un prestito per ristrutturare appartamenti già assegnati ad inquilini che hanno versato la caparra. Ma, poco prima di finire i lavori, fallisce lasciando gli edifici incompleti e le famiglie invischiate in un’infinita querelle legale con le banche. Il compione è sempre lo stesso. Da 3 anni va avanti la disavventura della Immoservice: Federconsumatori che, su delega dei promissari acquirenti, ha incontrato il curatore fallimentare della società. 

Sono numerose le famiglie che si sono rivolte all’Associazione dei consumatori per  acquistare la proprietà della casa per cui avevano versato la caparra. La piccola società immobiliare in questione aveva ottenuto un prestito di quasi 100 milioni di euro per la ristrutturazione di tre palazzine situate a Roma, che sarebbero poi state adibite a uso abitativo, uffici e strutture ricettive. Poco prima della conclusione dei lavori, però, la società è fallita, lasciando gli edifici incompleti.

I cittadini che avevano versato cospicui importi per la caparra si son ritrovati, così, invischiati in una infinita querelle legale con le banche che, ancor prima del dichiarato fallimento, hanno avviato una procedura per la vendita degli immobili all’asta volta a recuperare il capitale investito.

Finalmente è intervenuta Federconsumatori che sta cercando di “trasformare” il possesso legittimamente acquisito dagli inquilini nel momento della stipula del preliminare in piena proprietà. “Dall’incontro con il curatore fallimentare sono state gettate le basi per arrivare a una conciliazione che consenta a coloro che ne abbiano la volontà di portare a termine l’acquisto della propria casa, mai sofferto come in questo caso – scrive l’Associazione in una nota – In particolare chiediamo che i cittadini coinvolti possano acquistare gli appartamenti singolarmente e a un giusto prezzo. Siamo convinti che sia necessaria un’azione sinergica per tutelare i diritti degli inquilini, resa possibile dall’intervento di Federconsumatori che, sintetizzando le diverse istanze avanzate dai promissari acquirenti, accelererà la strada per raggiungere una soluzione che soddisfi tutte le parti coinvolte. Invitiamo pertanto chi ancora non lo avesse fatto a contattare la nostra Associazione per informazioni ed assistenza”.

Comments are closed.