Mercato immobiliare Roma, Tecnocasa: nella 2a metà del 2013 -4,4% di prezzi

Continua il calo della quotazioni del mercato immobiliare della capitale: nel secondo semestre del 2013 Tecnocasa registra un calo del 4,4%. Resistono ai ribassi le zone centrali e semicentrali grazie alla presenza di acquisti ad uso investimento. In centro spesso si acquistano immobili da destinare ad affitti ad uso turistico oppure per avviare B&B. In quest’ultimo caso si cercano immobili nei pressi della Stazione Termini o comunque vicino a siti di interesse turistico. Nel corso del 2013 le quotazioni delle abitazioni di Roma sono diminuite dell’8,4%.

Nelle zone semicentrali buono l’andamento degli immobili che sorgono a ridosso dei più importanti poli universitari della città (Luiss, La Sapienza, Università Cattolica) dove la domanda è sostenuta soprattutto da genitori di ragazzi che studiano a Roma. Infatti la tipologia abitativa che raccoglie il maggior numero di preferenze a Roma è il bilocale, apprezzato sia dagli investitori e sia da chi è all’acquisto della prima casa.

Le zone periferiche hanno subito cali di prezzo più sostenuti a causa di  bassa qualità abitativa, per la diminuita disponibilità di spesa dei potenziali acquirenti e la concorrenza delle nuove costruzioni sorte negli anni scorsi nella capitale.

Nel centro della capitale le quotazioni sono diminuite del 3,5%. Le zone più dinamiche sono state quelle intorno al Pantheon, la zona di piazza Cavour e il Ghetto Ebraico, ad acquistare sono stati sia investitori sia acquirenti di prima casa. A vendere sono prevalentemente proprietari di una casa diversa dalla prima che, in seguito alla revisione delle rendite catastali, hanno visto aggravarsi il carico fiscale e hanno deciso di dismettere l’immobile.

La zona top resta sempre piazza di Spagna anche se le compravendite che si realizzano sono molto rare: le quotazioni di una soluzione signorile  ristrutturata arrivano a 15 mila € al mq. Palazzi storici si trovano anche nella zona di piazza Barberini e di Fontana di Trevi, dove l’usato si vende mediamente a 6000-7000 € al mq, mentre per tipologie ristrutturate i valori salgono di circa 1000 € al mq. Sempre molto richiesta anche l’area di piazza Navona, con quotazioni che si attestano su 8000 € al mq per l’usato e su 9000 € al mq per il ristrutturato. In Campo dei Fiori, Via Giulia, via Monserrato e piazza Ricci top prices di  9 e 10 mila € al mq.

In queste zone calano gli affitti, a causa della diminuzione dei budget di professionisti che lavorano in zona (spesso sono le stesse aziende che si attivano per la ricerca). Per un bilocale mediamente si spendono 1100 € al mese. Nella scelta dell’immobile in affitto si presta molta attenzione alla location, al tipo di arredamento.

Quotazioni in lieve calo nell’area del Colosseo e di Colle Oppio nella seconda parte del 2013. Lieve aumento, invece, per le quotazioni immobiliari dell’area compresa tra Santa Croce in Gerusalemme e via  Manzoni per le tipologie abitative medio usate.

La macroarea che ha segnalato il ribasso dei prezzi più forte è stata quella di Cassia-Torrevecchia (-6,1%). Tra i quartieri in ribasso c’è Gemelli-Pineta Sacchetti (-2,6%) e Gemelli-Trionfale (-2,9%). A seguire le macroaree Villa Ada-Montesacro e di Roma-Sud che hanno registrato un ribasso del 4,8%. Nella prima macroarea nella  zona che si sviluppa intorno a corso Trieste, via Costanza, viale Regina Margherita, piazza Caprera e piazza Istria acquistano sia investitori che mettono a reddito l’immobile sia genitori per i figli che studiano nella vicina Università Luiss. Spesso arrivano dal Sud Italia.

Nella macroarea di San Giovanni-Roma Est le quotazioni sono in ribasso del 4,7%. Nella zona di San Giovanni-Re di Roma il mercato immobiliare è alimentato soprattutto da acquisti ad uso abitativo, realizzati da giovani per motivi di studio o di lavoro, aiutati dai genitori. Le quotazioni delle abitazioni nella zona di Prenestino-Pigneto sono in ribasso, in particolare sulle tipologie di dimensione medio grande;  meno interessate le abitazioni di piccolo taglio, monolocali e bilocali, quest’ultima tipologia si vende a prezzi medi che vanno da 170 a 220 mila €. Il quartiere si divide in due aree, una popolare ed una extrapopolare. La primaha prezzi medi di 2400-2500 € al mq (trilocali ) e 2800-3000 € al mq (bilocali). Più bassi i prezzi delle abitazioni situati nella zona del Pigneto: per un  buon usato si spendono mediamente 2000-2200 € al mq.

Nella macroarea di Monteverde-Aurelio le quotazioni sono diminuite del 4,2%. In diminuzione del 3,7% la macroarea di Prati-Francia.

Comments are closed.