Mini-Imu, si paga entro il 24 gennaio

La scadenza per il pagamento della mini-Imu sulla prima casa è il 24 gennaio. A pagare saranno i cittadini che vivono in un Comune che, nel 2013, ha aumentato l’aliquota Imu rispetto a quella di base stabilita dallo Stato. Questo è dovuto al Decreto del Governo che indica che la differenza tra l’aliquota base (4 per mille) e gli aumenti decisi dai Comuni tra il 2012-2013 , per il 40% sono a carico dei contribuenti. Secondo la Uil, l’importo medio da pagare sarà di circa 42 euro per circa 12,6 milioni di contribuenti.

Lo Stato, in pratica, pagherà i circa 4 miliardi di mancato gettito dell’Imu prima casa del 2013, ma solo fino a concorrere all’aliquota base del 4 per mille; nei Comuni, quasi duemila e quattrocento, dove i sindaci sono stati costretti ad aumentare l’aliquota al 5 o al tetto massimo del 6 per mille, saranno i cittadini a pagare il 40 per cento della differenza.

Come orientarsi? Altroconsumo ricorda che la prima cosa da fare è controllare sul sito del Comune se ci sono state variazioni: “Se il tuo Comune non ha provveduto a modificare l’aliquota rispetto a quella standard, non ti devi preoccupare: non dovrai pagare alcuna differenza – spiega l’associazione – Ma se risiedi in uno dei Comuni che hanno deliberato l’aumento (tra i quali numerosi capoluoghi e diversi Comuni medio piccoli), entro il 24 gennaio dovrai pagare il 40% della differenza tra l’Imu calcolata con l’aliquota dello 0,4 per mille e la detrazione base di 200 euro e l’Imu calcolata con le aliquote e le detrazioni deliberate dal Comune per il 2013”. Il saldo per la scadenza della seconda casa andava invece pagato entro il 16 dicembre, ma chi non ha provveduto può avere un’agevolazione: lo Stato, infatti, dà la possibilità di pagare il dovuto senza applicare sanzioni o interessi entro il 16 giugno 2014.

Quanto peserà la mini-Imu? Secondo stime effettuate a dicembre dalla Uil Servizio Politiche Territoriali, si profila una “mini stangata” da 33 euro medi per i 12,6 milioni di contribuenti residenti nei Comuni, che tra il 2012 e il 2013 hanno aumentato l’aliquota di base del 4 per mille, con punte di 59 euro a  Milano, 58 euro a Torino, 51 euro a Napoli, 45 euro ad Ancona e 43 euro a Roma.

Un commento a “Mini-Imu, si paga entro il 24 gennaio”

  1. nino ha detto:

    Come faranno gli anziani che non hanno il computer per collegarsi al sito del Comune?a sapere se e quanto devono pagare?