Mutui, Abi: col Fondo casa sospese rate a 17 mila famiglie

Da maggio 2013 a giugno 2014 il Fondo casa ha permesso di sospendere le rate dei finanziamenti a oltre 17 mila famiglie, in gran parte dei casi in difficoltà a causa della perdita del posto di lavoro. A breve, invece, verrà lanciato un nuovo Fondo di garanzia per la casa con una dotazione di 600 milioni di euro e priorità alle giovani coppie. Lo ha reso noto l’Associazione Bancaria Italiana.

Dice l’Abi: “In un quadro economico ancora fragile, il “Fondo di solidarietà per l’acquisto della prima casa” si conferma un efficace strumento di welfare: sono 17.278 le famiglie che ne hanno avuto accesso, tra maggio 2013 e fine giugno 2014, sospendendo per 18 mesi il pagamento delle rate del proprio finanziamento, per un controvalore di oltre 1,6 miliardi di euro di debito residuo. Nella grande maggioranza dei casi, 16.136, la ragione per la sospensione è la perdita del posto di lavoro”. I dati sono relativi all’ultimo monitoraggio su questa misura pubblica di raccordo con la moratoria Abi concordata con le associazioni dei consumatori e portata avanti dal 2010: in questi anni, l’iniziativa ha permesso di sospendere il pagamento delle rate dei mutui a 100.000 famiglie, per un controvalore di quasi 11 miliardi di debito residuo. Allo stesso tempo, afferma l’Abi, fra gennaio e giugno 2014 i nuovi finanziamenti per i mutui-casa sono aumentati del 28,2% rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso. E ci sono novità in arrivo.

Spiega l’Abi: “Per continuare a favorire l’accesso al credito, è previsto a breve il lancio di un’iniziativa ancora più estesa: il “Fondo di garanzia per la casa” controgarantito dallo Stato, che rilascia garanzie fino al 50% della quota capitale dei mutui erogati per l’acquisto o la ristrutturazione per l’accrescimento dell’efficienza energetica degli immobili adibiti ad abitazione principale. Il Fondo, con priorità di accesso per le giovani coppie, coprirebbe il triennio 2014-2016 con un plafond pari a 600 milioni di euro”.

Comments are closed.