1. Skip to navigation
  2. Skip to content
  3. Skip to sidebar



Archivio della categoria ‘Privacy’

Money transfer, Garante Privacy multa cinque società per 11 milioni di euro

venerdì, 10 marzo, 2017

Le società dividevano le somme di denaro in più operazioni con una cifra al di sotto della soglia antiriciclaggio, spedivano il denaro a pochi secondi uno dopo l’altro, e usavano come mittenti nomi e dati personali di persone del tutto ignare della cosa. Spesso i nominativi non esistevano o i moduli risultavano compilati da persone decedute. Le attività di money transfer di cinque società sono finite nel mirino della Procura di Roma e, per violazione della normativa sulla privacy, del Garante Privacy. Che ha deciso sanzioni per oltre 11 milioni di euro. (altro…)



Federprivacy: “Col nuovo regolamento Ue giro di vite in favore dei consumatori”

martedì, 7 marzo, 2017

Il consenso al trattamento dei dati personali dovrà essere chiaro, informato, inequivocabile. Un consenso consapevole, dunque. Con l’uso di app e social network spesso i consumatori, per utilizzare qualche funzionalità o accedere al servizio, si ritrovano a dare il consenso a testi scritto in modo poco chiaro, con i dati che finiscono poi a soggetti terzi che studiano le abitudini di consumo a fini di marketing o propongono pubblicità mirata senza aver ricevuto un’autorizzazione esplicita e consapevole, o con un’autorizzazione quantomeno ambigua. (altro…)



Garante Privacy: nei prossimi mesi focus su call center e identità digitale

martedì, 28 febbraio, 2017

L’informazione ai cittadini sull’uso dei dati personali da parte dell’amministrazione e delle aziende è ancora lacunosa e insufficiente. Spesso mancano le misure di sicurezza. E i dati di traffico telefonico e telematico sono conservati per un tempo troppo lungo. Sono tre dei problemi che emergono dall’attività ispettiva svolta dal Garante Privacy nel 2016: criticità che fanno pensare, se si considera l’azione che l’Autorità porta avanti ormai da tempo. Lo scorso anno i procedimenti sanzionatori sono aumentati del 38%. (altro…)



Bollette acqua, online tutti i dati dei clienti: stop del Garante Privacy

martedì, 28 febbraio, 2017

Online c’erano i dati dei clienti, tanti dati, e tutti liberamente consultabili, con la possibilità di reperire nomi, indirizzi e numeri di carte di credito, anche se parzialmente oscurati. Il rischio? Anche il furto d’identità. Per questo il Garante Privacy ha disposto lo stop alla diffusione illecita dei dati personali relativi ai pagamenti delle bollette sul proprio sito web da parte di una società erogatrice di servizi idrici, la Gori Spa. Nel provvedimento pubblicato online si legge che “al di là dell’indebita diffusione di dati personali che viene a realizzarsi mediante la descritta modalità di visualizzazione delle informazioni sul sito web della Società, deve altresì ritenersi sussistente il rischio di un pregiudizio rilevante per gli interessati (tra gli altri, quello di furto d’identità), in ragione della tipologia e della numerosità dei dati oggetto diffusione”. (altro…)



Garante Privacy: vietati i controlli indiscriminati su email e smartphone aziendali

venerdì, 17 febbraio, 2017

Sono vietati i controlli indiscriminati sulle email e sullo smartphone aziendale. Il datore di lavoro non può avere un accesso indiscriminato alla posta elettronica e ai dati personali che si trovano negli smartphone del personale e, pur potendo verificare il corretto uso degli strumenti di lavoro, deve rispettare libertà e dignità dei lavoratori. No dunque ai controlli massivi e indiscriminati del lavoratore e a quelle pratiche di controllo che di fatto rappresentano un comportamento illecito. Lo ha ribadito il Garante della Privacy che ha vietato a una multinazionale l’ulteriore uso dei dati personali trattati violando la legge. (altro…)



Privacy, Ocse: rispettare tutela dati personali nell’uso dei dati sanitari

giovedì, 26 gennaio, 2017

Rispettare la privacy nell’uso dei dati sanitari, attraverso standard comuni per il trattamento dei dati, informazione agli utenti, misure a protezione delle informazioni: per avere una società in buona salute, e migliorare l’assistenza sanitaria, i paesi devono darsi regole comuni nell’uso dei dati sanitari nel rispetto della tutela dei dati personali. (altro…)



Social&Co: Commissione Ue propone nuove norme sulla Privacy

mercoledì, 11 gennaio, 2017

Gli europei chiedono una protezione più forte per la privacy delle comunicazioni online. Il 92% di loro ritiene che sia importante che le informazioni personali contenute in computer, smartphone e tablet siano accessibili solo col loro consenso; il 92% ritiene che sia importante che sia garantita la riservatezza di email e messaggi online; l’82% ritiene importante che strumenti come i cookies siano soggetti al loro consenso. (altro…)



Debitori insolventi, Garante Privacy: dal 2011 no tutele per persone giuridiche

lunedì, 9 gennaio, 2017

Rendere noti i nomi dei primi cento debitori insolventi delle banche salvate. Il presidente dell’Associazione bancaria italiana Antonio Patuelli lancia la proposta, al sottosegretario all’Economia l’idea piace, il Garante Privacy smorza i toni: la maggior parte dei debitori, in quanto persone giuridiche, già dal 2011 non gode di tutela dal punto di vista della privacy. Il dibattito scaturisce da un’intervista rilanciata a il Mattino dal presidente dell’Abi Patuelli, che ha chiesto di fare un’eccezione alla legge sulla privacy e rendere nomi i nomi dei debitori insolventi. (altro…)



Privacy, Garante: no all’algoritmo della reputazione, vìola la dignità della persona

martedì, 3 gennaio, 2017

Il Garante privacy dice no alla banca dati online della reputazione, in quanto il progetto per la misurazione del “rating reputazionale”, elaborato da un’organizzazione articolata in un’associazione e da una società preposta alla gestione dell’iniziativa, “vìola le norme del Codice sulla protezione dei dati personali e incide negativamente sulla dignità delle persone”. (altro…)



Corte Ue: senza grave motivo, vietato conservare dati comunicazioni elettroniche

mercoledì, 21 dicembre, 2016

Obbligare gli operatori di servizi di comunicazione a conservare i dati personali dei propri utenti è contrario al diritto dell’Unione europea. Lo ha stabilito la Corte di giustizia europea che si è pronunciata riguardo alla normativa nazionale vigente in Svezia e Regno Unito. (altro…)



Privacy, nuovo Regolamento Ue: arrivano le prime linee guida comunitarie

lunedì, 19 dicembre, 2016

Il Gruppo dei Garanti Ue ha approvato tre documenti con indicazioni e raccomandazioni su importanti novità del Regolamento 2016/679 sulla protezione dei dati, in vista della sua applicazione da parte degli Stati membri a partire dal maggio 2018. (altro…)



Garante Privacy: no al diritto all’oblio per casi giudiziari gravi

lunedì, 12 dicembre, 2016

Non si può invocare il diritto all’oblio per casi giudiziari particolarmente gravi e per i quali c’è “l’interesse ancora vivo ed attuale dell’opinione pubblica”. Così il Garante per la Privacy ha dichiarato infondata la richiesta di deindicizzazione di alcuni articoli presentata da un ex consigliere comunale coinvolto in un’indagine per corruzione e truffa. Nel caso di vicende giudiziarie particolarmente rilevanti, il cui iter processuale si è concluso da poco, prevale infatti l’interesse pubblico a conoscere le notizie. (altro…)



Fecondazione assistita, Privacy: ok al nuovo regolamento sul trattamento dati

lunedì, 12 dicembre, 2016

Il Garante per la Privacy ha dato parere favorevole al nuovo regolamento per la manifestazione del consenso da parte delle coppie che vogliono accedere alla procreazione medicalmente assistita. Il Ministero della Salute dovrà predisporre un nuovo modello per il consenso al trattamento dei dati e le coppie che accedono alla procreazione eterologa dovranno essere informate del fatto che i loro dati, e quelli dei neonati, saranno trasmessi al Centro nazionale trapianti. Lo comunica oggi la newsletter del Garante per la Privacy. (altro…)



Privacy, allarme per giocattoli che registrano le interazioni con i bambini

martedì, 6 dicembre, 2016

I giocattoli connessi a internet che rispondono alle domande, giocano, raccontano storie tramite a un’app sullo smartphone e una connessione bluetooth, e registrano le interazioni con i bambini non garantiscono il rispetto della privacy, la sicurezza e non proteggono i giovani consumatori dai rischi. È l’allarme lanciato da alcune associazioni consumatori tramite il Beuc (The European Consumer Organisation). Il caso riguarda in particolare i giocattoli ‘My Friend Cayla’ e ‘i-Que’, venduti in Europa. (altro…)



Privacy, accordo UE-USA: più garanzie sul trattamento dei dati personali

giovedì, 1 dicembre, 2016

Standard di sicurezza più alti e vincolanti garantiranno la protezione dei dati personali nello scambio di informazioni a fini di contrasto alla criminalità tra autorità di polizie e giudiziarie tra le due sponde dell’Atlantico. L’accordo UE-USA, detto “Umbrella Agreement”, è stato approvato oggi da un’ampia maggioranza dei deputati del Parlamento UE. (altro…)



Servizi online, Garante Privacy: no al consenso “obbligato” a ricevere pubblicità

lunedì, 28 novembre, 2016

Per poter usufruire dei servizi online, come la gestione della propria scheda anagrafica, vedere i propri consumi e ricevere la fatturazione, un’impresa non può obbligare il consumatore ad accettare di ricevere le offerte pubblicitarie. È quanto ha stabilito il Garante della Privacy che, a seguito di alcune segnalazioni, ha verificato la pratica di un’azienda di energia e gas, la quale non concedeva altra possibilità di scelta ai propri utenti per poter usufruire dei servizi online. I consumatori per poter ottenere il contratto dovevano, infatti, per forza barrare la casella comprendente anche il consenso all’invio delle comunicazioni commerciali. (altro…)



Scudo privacy UE-US: Garante autorizza trasferimento dati personali oltreoceano

lunedì, 21 novembre, 2016

Il Garante Privacy ha autorizzato società multinazionali e imprese italiane a trasferire di dati personali oltreoceano ad aziende che statunitensi che hanno aderito o aderiranno al cosiddetto “Privacy Shield”, il nuovo accordo siglato tra Ue e Usa. L’odierna autorizzazione del Garante sostituisce quella decaduta il 22 ottobre 2015, che regolava il trasferimento dei dati verso gli Stati Uniti sulla base dell’accordo “Safe Harbor” dichiarato invalido dalla sentenza Schrems della Corte di Giustizia dell’Unione Europea. (altro…)



Privacy: servizi online energia, no a consenso obbligato per il marketing

lunedì, 21 novembre, 2016

Per accedere ai servizi online di un’impresa di energia e gas non serve il consenso “obbligato” anche per il marketing. Il che significa che il cliente non può essere obbligato a dare un unico consenso al trattamento dei propri dati personali che serva sia per la gestione del contratto sia per ricevere pubblicità sul proprio indirizzo email. Lo ha stabilito il Garante per la privacy, chiamato a intervenire per tutelare da promozioni indesiderate lo sportello online di un fornitore di servizi energetici. (altro…)



Privacy a scuola, il Garante fa chiarezza con la nuova mini guida

lunedì, 7 novembre, 2016

Si possono pubblicare sui social media le fotografie scattate durante le recite scolastiche? Le lezioni possono essere registrate? Come si possono prevenire fenomeni come il cyberbullismo o il sexting? Quali accortezze adottare nel pubblicare le graduatorie del personale scolastico? Ci sono cautele specifiche per la fornitura del servizio mensa o per la gestione del “curriculum dello studente”? Quando si parla di tutelare la privacy dei minori i dubbi sono sempre tanti e spesso il buon senso può non bastare per fare davvero la cosa giusta. (altro…)



Social network, Amnesty International: privacy ancora troppo a rischio

venerdì, 21 ottobre, 2016

Privacy e social network: un binomio che di questi tempi è sempre più sotto la luce dei riflettori. Whatsapp, Facebook, Snapchat, Skype e chi più ne ha più ne metta sono al centro della vita di molti di noi. Ma pensare che quello che scriviamo o i contenuti multimediali che spediamo ci appartengano e che nessuno li possa sbirciare è una convinzione del tutto sbagliata e, sotto certi aspetti, anche piuttosto pericolosa. Amnesty International le ha classificate dai meno sicuri a quelli sui quali si può stare “più tranquilli” . (altro…)



Telecamere in asili e strutture per anziani, Adoc favorevole alla proposta di legge

giovedì, 20 ottobre, 2016

La Camera ha approvato la proposta di legge che dà il via libera all’installazione delle telecamere a circuito chiuso negli asili e nelle struttire socio assistenziali per anziani, pubbliche o private, con 279 voti a favore, 22 contrari e 69 astenuti. Il testo passa ora al Senato. (altro…)



Yahoo! di nuovo nel ciclone, milioni di mail spiate e passate agli 007

mercoledì, 5 ottobre, 2016

Non c’è pace per Yahoo!: nella delicata fase della conclusione delle trattative che dovrebbero portare all’acquisto del pioniere di internet da parte del colosso delle tlc Verizon per la cifra di 4,8 miliardi di dollari, arriva la notizia che il gruppo guidato da Merissa Mayer avrebbe scannerizzato in gran segreto milioni di indirizzi di posta elettronica dei propri utenti, mettendoli poi a disposizione dei servizi segreti statunitensi, dall’Fbi alla National Security Agency. (altro…)



WhatsApp cede dati a Facebook: il Garante avvia un’istruttoria

martedì, 27 settembre, 2016

Sul finire dell’estate, WhatsApp, la chat gratuita più utilizzata al mondo, ha avvisato i utenti che entro la fine del mese di settembre alcune impostazioni sulla privacy sarebbero state modificate per permettere a Facebook di accedere ad alcuni dati per finalità commerciali.  Sul sito whatsapp.com si legge che “Nulla di ciò che gli utenti condividono su WhatsApp, compresi i messaggi, le foto, e le informazioni dell’account, sarà pubblicato su Facebook”. (altro…)



Yahoo! rubati dati di 500 milioni di utenti, Adoc valuta causa

venerdì, 23 settembre, 2016

Sta suscitando più di qualche protesta la notizia (resa nota solo adesso) dell’attacco hacker subito da oltre 500 milioni di utenti Yahoo nel 2014. Password e dati d’accesso rubati, senza che alcuna comunicazione fosse data agli utenti. Adoc valuta una possibile causa contro la società californiana per comportamento negligente, non ha tutelato i suoi utenti. (altro…)



Internet of things: il 60% degli apparecchi non supera esame privacy

giovedì, 22 settembre, 2016

Su oltre trecento dispositivi elettronici connessi a Internet, come orologi e braccialetti intelligenti, contatori elettronici e termostati di ultima generazione, più del 60% non ha superato l’esame dei Garanti della privacy di 26 Paesi. È quanto emerge dall’indagine a tappeto avviata lo scorso maggio dalle Autorità per la protezione dei dati personali appartenenti al Global Privacy Enforcement Network (GPEN) per verificare il rispetto della privacy nell’Internet delle cose (IoT). (altro…)