1. Skip to navigation
  2. Skip to content
  3. Skip to sidebar



Archivio della categoria ‘Banche e poste’

Fondi Poste Italiane, RCI: le proposte per tutelare tutti i risparmiatori

venerdì, 20 gennaio, 2017

Buona la proposta ma non pienamente soddisfacente. È questo in sintesi il giudizio espresso da Rete Consumatori Italia (RCI) in merito alla vicenda dei quattro fondi immobiliari, che tuttavia non va in contro alle esigenze di tutti i risparmiatori. (altro…)



Salvataggio banche, Rete Consumatori Italia invita il Parlamento alla riflessione

giovedì, 19 gennaio, 2017

Oggi pomeriggio, comunica Codici, Rete Consumatori Italia (Assoutenti, Casa del Consumatore e Codici), verrà audita nell’ambito dell’ esame del disegno di legge n. 2629 (in riferimento al decreto-legge n. 237 del 2016), con il quale il Governo chiede l’autorizzazione alle Camere per poter disporre di 20 miliardi per salvare le banche. (altro…)



Rimborsi Poste, AACC: bene la proposta fatta ma si può fare di più

martedì, 17 gennaio, 2017

È comparsa una luce in fondo al tunnel per i 14mila risparmiatori traditi dal fondo Invest Real Security di Poste Italiane. A deciderlo è stato il consiglio di amministrazione di Poste che ha scelto di correre immediatamente ai ripari offrendo agli investitori un modo per recuperare il capitale perso ed eventualmente guadagnare anche qualcosa in più. La decisione è stata dettata probabilmente anche dal fatto di voler tutelare l’immagine di sicurezza finanziaria che da sempre caratterizza l’azienda, come ha confermato alla stampa lo stesso Amministratore delegato di Poste, Francesco Caio: “Questa iniziativa ha l’obiettivo di rafforzare il legame di fiducia che da sempre abbiamo con i risparmiatori”. (altro…)



Veneto Banca, Consob contesta sanzioni per 4,6 mln di euro

lunedì, 16 gennaio, 2017

La Consob ha contestato a Veneto Banca sanzioni per 4,6 milioni di euro. Fra Natale e Capodanno l’Autorità ha fatto partire la contestazione, che riguarda trenta fra ex amministratori, sindaci e manager di Veneto Banca. L’avviso delle sanzioni, spiega il Movimento Consumatori, rientra nella maxi indagine avviata nel 2015 e riguarda le dinamiche dell’aumento di capitale da 500 milioni effettuato nel 2014 dalla Banca, nel corso del quale, a seguito di un’ispezione della Commissione terminata nel marzo nel 2016, sono emerse diffuse irregolarità. La maxi multa prospettata dalla Consob, argomenta l’associazione, conferma quanto sia inadeguata l’offerta di transazione annunciata da Veneto Banca nei giorni scorsi. (altro…)



Konsumer Italia: “MPS specchio del fallimento italiano”

venerdì, 13 gennaio, 2017

“La vicenda MPS è lo specchio del fallimento italiano”. Non è facile prendere di petto la questione delle banche senza evidenziare le grandi lacune che hanno portato alle gestione di molti istituti bancari, ultima in ordine di tempo il Monte Paschi di Siena, specialmente se si guarda a cosa tutto questo può comportare per i piccoli risparmiatori e i consumatori. Per questo è netto quanto afferma Konsumer Italia per voce del suo presidente Fabrizio Premuti: “La vicenda Monte Paschi Siena è lo specchio del fallimento italiano”. Prosegue Raffaella Grisafi, vice presidente vicario: “L’intera questione MPS ed i nuovi fatti e nomi di debitori emersi in queste ultime ore confermano l’inefficienza e l’inaffidabilità del sistema di vigilanza italiano, ma soprattutto il fatto che si continuino ad usare il classico sistema dei due pesi e due misure”. (altro…)



Quattro banche, Padoan: 190mln agli obbligazionisti. Codacons: “Non bastano”

venerdì, 13 gennaio, 2017

Quando saranno esaminate tutte le pratiche, si stima che agli obbligazionisti retail di Banca Etruria, Banca Marche, Carife e Carichieti verranno rimborsati circa 190 milioni di euro: è quanto ha detto ieri il Ministro dell’Economia Pier Carlo Padoan in audizione in Senato davanti alle Commissioni congiunte Finanze di Camera e Senato. Il Ministro ha riconosciuto che gli istituti bancari hanno venduto prodotti impropri ma anche che serve un progetto di educazione finanziaria da parte delle istituzioni. (altro…)



Banche, Codacons chiede di indagare debitori insolventi

giovedì, 12 gennaio, 2017

Il Codacons chiede di indagare i debitori insolventi delle banche per concorso in bancarotta fraudolenta. L’associazione ha presentato un esposto a diverse Procure in cui chiede di acquisire i nomi dei soggetti insolventi delle diverse banche – tutte quelle coinvolte nelle vicende degli ultimi mesi, da Banca Etruria a Monte dei Paschi di Siena, da Carichieti a Banca Popolare di Vicenza – e di “sequestrare i beni personali di società e persone fisiche identificati come insolventi”. (altro…)



Poste e risparmio tradito: si va verso procedura di conciliazione

mercoledì, 11 gennaio, 2017

Si va verso una procedura di conciliazione per i cittadini coinvolti nel nuovo caso di “risparmio tradito” con protagonista i Fondi Immobiliari collocati dagli sportelli di Poste Italiane. La questione riguarda il collocamento di alcuni Fondi Comuni Immobiliari a risparmiatori privi di un adeguato profilo di rischio ed è emerso in tutta evidenza a partire dall’inizio dell’anno, perché alla fine di dicembre è scaduto il primo dei fondi, con annunci di rimborsi molto inferiori al prezzo di acquisto. MDC: “Fa piacere questo nuovo interessamento di Poste dopo il no del 2015”. (altro…)



Banche, UNC: sì a Commissione parlamentare d’inchiesta

mercoledì, 11 gennaio, 2017

Commissione d’inchiesta sulle banche: c’è il via libera di Camera e Senato. Si dovranno adottare, spiega online il Sole 24 Ore, le iniziative utili a “costituire una commissione parlamentare di inchiesta sul funzionamento del sistema bancario italiano e sui casi di crisi finanziaria che hanno coinvolto alcune banche, che guardi «all’individuazione di eventuali responsabilità degli amministratori, al corretto ed efficace esercizio delle funzioni di vigilanza e controllo nonché all’analisi delle insolvenze che hanno contribuito a determinare tali crisi»”. (altro…)



Veneto Banca e Popolare Vicenza, Consumatori protestano: rimborsi inaccettabili

mercoledì, 11 gennaio, 2017

Un rimborso paragonabile a “un’elemosina”. Proposte del tutto inaccettabili. Continua a collezionare contestazioni e critiche da parte delle associazioni di consumatori il piano di rimborsi varato da Veneto Banca e Banca Popolare di Vicenza. Cosa prevede? Per Veneto Banca un rimborso pari al 15% del valore netto delle azioni acquistate dal 1 gennaio 2007 al 31 dicembre 2016, dedotte le vendite; per Banca Popolare di Vicenza modalità simili, con un rimborso di 9 euro ad azione (circa il 15%). In entrambi i casi tale proposta di rimborso è valida solo per le persone fisiche, le società di persone e le onlus; il termine per aderire è marzo; a chi accetta le banche riservano offerte commerciali particolari; la proposta è infine subordinata alla rinuncia alle azioni legali da parte degli azionisti. (altro…)



Veneto Banca e Pop Vicenza, Consumatori: “Offerta azionisti inadeguata e irrisoria”

martedì, 10 gennaio, 2017

Veneto Banca e Banca Popolare di Vicenza hanno reso noto l’offerta di transazione rivolta ai propri soci. Una proposta subordinata alla rinuncia alle azioni legali da parte degli azionisti, dagli importi bassi, e considerata “totalmente inadeguata” dal Movimento Consumatori.Veneto Banca riconoscerà infatti un “indennizzo forfettario ed onnicomprensivo pari al 15% della perdita teorica sofferta in conseguenza degli acquisti di Azioni Veneto Banca (al netto delle vendite effettuate e dei dividendi percepiti) avvenuti nel periodo compreso tra il 1° gennaio 2007 ed il 31 dicembre 2016”; Banca Popolare di Vicenza pagherà 9 euro ad azione, al netto delle vendite, sempre nello stesso arco temporale. (altro…)



Veneto Banca e Pop Vicenza, Movimento Consumatori: rimborso del 15%? Briciole

lunedì, 9 gennaio, 2017

“Rimborsi integrali a favore di tutti gli azionisti ai quali sono state inconsapevolmente vendute le azioni delle due popolari”: questa la richiesta che il Movimento Consumatori torna ad avanzare nei confronti dei risparmiatori che hanno perso tutti o parte dei risparmi investiti nelle azioni di Banca Popolare di Vicenza e Veneto Banca. I due istituti hanno riuniti i vertici per presentare un piano ai risparmiatori: si parla di un rimborso di circa il 15% del valore delle azioni, con tre mesi di tempo per aderire all’offerta. Il Movimento Consumatori dice no alla “divisione delle briciole”. (altro…)



Debitori insolventi, Garante Privacy: dal 2011 no tutele per persone giuridiche

lunedì, 9 gennaio, 2017

Rendere noti i nomi dei primi cento debitori insolventi delle banche salvate. Il presidente dell’Associazione bancaria italiana Antonio Patuelli lancia la proposta, al sottosegretario all’Economia l’idea piace, il Garante Privacy smorza i toni: la maggior parte dei debitori, in quanto persone giuridiche, già dal 2011 non gode di tutela dal punto di vista della privacy. Il dibattito scaturisce da un’intervista rilanciata a il Mattino dal presidente dell’Abi Patuelli, che ha chiesto di fare un’eccezione alla legge sulla privacy e rendere nomi i nomi dei debitori insolventi. (altro…)



Salvabanche, Consumatori: “Risparmiatori non devono rimetterci un euro”

giovedì, 22 dicembre, 2016

I Consumatori promettono che vigileranno sulle ultime mosse che interessano le banche. C’è stato infatti ieri il via libera di Camera e Senato al provvedimento “salvabanche”, che prevede un aumento del debito fino a 20 miliardi di euro a sostegno del sistema bancario. Il primo salvataggio dovrebbe essere quello di Monte dei Paschi di Siena, la banca che al momento sta catalizzando l’attenzione dei mercati. Dicono Federconsumatori e Adusbef: “Se lo Stato mette a disposizione risorse pubbliche, si nazionalizzino gli istituti che ne usufruiranno”. (altro…)



Banca Etruria: prestiti concessi e mai rientrati, Codici offre assistenza legale

lunedì, 19 dicembre, 2016

Si sono chiuse le indagini su Banca Etruria, con 22 richieste di rinvio a giudizio per gli accusati di bancarotta fraudolenta. La principale causa del fallimento della popolare aretina, e quindi dell’avvio dell’inchiesta, è stata l’erogazione di crediti contestati o l’agevolazione degli stessi. (altro…)



Buoni fruttiferi postali, Feder: attenzione ai rendimenti riconosciuti da Poste

venerdì, 16 dicembre, 2016

Il 31 dicembre 2016 scadranno i buoni postali fruttiferi ordinari di durata trentennale emessi dal 1 luglio 1986 al 31 dicembre 1986 (serie Q/P). “Tali buoni possono recare sul retro un timbro a secco con rendimenti fino al 20esimo anno diversi rispetto a quelli originari e tale timbro si sovrappone alla tabella di rendimento stampata sul buono”, comunica Federconsumatori. (altro…)