1. Skip to navigation
  2. Skip to content
  3. Skip to sidebar



Archivio della categoria ‘Credito al consumo’

Recupero crediti, è tutto lecito? CRTCU stila elenco di pratiche scorrette

martedì, 27 agosto, 2013

Recupero crediti: il nuovo incubo dei consumatori, tra persecuzioni telefoniche e lettere di minacce . Ma è lecito quello che fanno queste società? Sulla questione interviene il Centro di Ricerca e di Tutela dei Consumatori e degli Utenti di Trento che chiede un intervento dell’Antitrust contro le pratiche aggressive ed ingannevoli. Il direttore Carlo Biasior spiega: “Spesso queste società non hanno il mandato conferito dal creditore, o i titoli (contratti) su cui si fonda il credito, o non entrano nel merito delle controversie, con impossibilità di far valere le ragioni dei consumatori!”. (altro…)



Consumatori: in calo ricorso al credito al consumo (-4% rispetto al 2012)

mercoledì, 7 agosto, 2013

I cittadini non riescono neanche più a indebitarsi. E’ questa la conclusione ci sono giunte Federconsumatori e Adusbef che hanno analizzato l’ennesimo calo consecutivo delle consistenze del credito al consumo: meno 4% rispetto allo scorso anno. Inoltre – continuano le Associazioni – ad accelerare tale tendenza contribuisce l’insostenibile clima di incertezza, che investe specialmente il fronte fiscale: i cittadini non sono più nella condizione di poter programmare nulla fino a quando non conosceranno con esattezza cosa deciderà il Governo in tema di IVA, IMU e Tares ( che per costi diretti ed indiretti da uno studio O.N.F. potrebbe incidere qualora mantenute, sul potere di acquisto per 937 Euro). (altro…)



Agos Ducato incontra gli studenti: “A TU per TU” arriva tra i banchi

martedì, 30 aprile, 2013

Proseguono gli appuntamenti con “A TU per TU”, il progetto di Agos Ducato nato nel 2011 con l’obiettivo di promuovere iniziative di credito consapevole ed educazione finanziaria presso tutti gli interlocutori, favorendo il dialogo e il confronto con le associazioni dei consumatori, i clienti e i partner commerciali. L’iniziativa, che si inserisce in un ampio piano di divulgazione finanziaria ideato da Agos Ducato per creare un canale diretto con gli utenti, approda sui banchi di scuola: l’azienda incontra gli studenti delle classi superiori con appuntamenti di educazione in materia di credito, promuovendo una cultura economica di facile comprensione, alla portata di tutti. (altro…)



Prestiti, Facile.it: in calo l’importo richiesto

mercoledì, 27 marzo, 2013

In soli sei mesi la domanda media di prestito si è ridotta dell’11%,arrivando a 11.000 eurodai 12.500 di ottobre 2012. E’ quanto emerge dai dati dell’Osservatorio di Facile.it realizzato con la collaborazione di Prestiti.it che hanno permesso di identificare il profilo tipo di chi cerca di ottenere un prestito. Si tratta di un uomo di 41 anni, con uno stipendio medio di poco superiore ai 1.500 euro. (altro…)



Osservatorio: prezzi elettrodomestici troppo alti? Meglio chiedere un prestito

mercoledì, 20 marzo, 2013

Prima o poi in ogni casa arriva il momento di cambiare il frigo, il forno, la lavastoviglie e la lavatrice, compagni indispensabili ma spesso troppo spreconi. Se, infatti, i nostri aiutanti nelle faccende domestiche sono vecchiotti, è probabile che abbiano bassa efficienza energetica e che siano i principali responsabili delle nostre bollette salate. Ma i prezzi degli elettrodomestici di nuova generazione possono essere scoraggianti, per questo molti scelgono di comprarli grazie a un prestito bancario. Per evitare però di faticare eccessivamente a causa di interessi troppo elevati, una buona strategia è quella di porre preventivamente i prestiti offerti dalle banche a confronto, così da trovare una soluzione davvero vantaggiosa.

L’abitudine di ricorre all’aiuto delle banche per acquisiti importanti è ormai una tradizione nel nostro paese. Basti pensare ai prestiti per l’acquisto di automobili, così come quelli per coprire le spese di device tecnologici di ultima generazione.

Ricorrere al credito al consumo è infatti una buona soluzione per investire su un acquisto che permette di ridurre i consumi, e quindi la spesa per l’energia, e di aiutare l’ambiente. In più, si potrà approfittare anche degli incentivi statali, anche se si tratta di poche decine di euro su ogni elettrodomestico. Con l’aiuto del portale SuperMoney scopriamo allora quali siano i finanziamenti bancari più convenienti per comprarne di nuovi, più moderni ed efficienti.

Immaginiamo di aver bisogno in totale di 5 mila euro, da restituire in 36 mesi, e che possiamo offrire come garanzia un contratto di lavoro a tempo indeterminato. Con queste condizioni, l’offerta più vantaggiosa è quella di IBL Banca, con la sua Rata Bassotta. Con 159 euro al mese (Tan 4,70%, Taeg 9,38%), alla fine il prestito ci costerà 5724 euro.

Al secondo posto troviamo il Prestito Findomestic (Tan 11,15%, Taeg 11,73%), con una rata mensile da 164,1 euro e un importo complessivo al termine pari a 5908 euro. Terzo posto per il Prestito Personale Avvera di Credem: rate da 165,8 euro, Tan 11,90%, Taeg 13,34%, e totale da rimborsare di 6031 euro.

La riproduzione di questo contenuto è autorizzata esclusivamente includendo il link di riferimento alla fonte Help Consumatori e il link al sito SuperMoney.eu



Credito al consumo, online guida della Camera di commercio di Milano

martedì, 8 gennaio, 2013

Il credito al consumo è in costante crescita: negli ultimi cinque anni (dal 2006 al 2011) il fenomeno è cresciuto del 41%. Nel 2011, ultimo dato disponibile, sono stati oltre 122 i miliardi che le famiglie hanno ottenuto in prestito per acquistare prodotti come elettrodomestici, automobili, mobili. E’ quanto emerge da un’elaborazione Camera di commercio di Milano su dati Banca d’Italia diffusi a dicembre 2012 e relativi alla ricchezza delle famiglie italiane nel 2011. Proprio per mantenere sempre alta l’attenzione su un fenomeno che può rivelarsi un boomerang per chi ne ha uso, la Camera di Commercio ha messo a punto un vademecum che contiene le informazioni più importanti da sapere prima di accendere un contratto di finanziamento. Si va dalle nozioni base su cosa si intende per credito al consumo e credito rotativo, a quali sono le informazioni che deve contenere la pubblicità e come si riconosce la pubblicità ingannevole.



Credito al consumo, CTCU: non richiedere carte di credito revolving

giovedì, 20 dicembre, 2012

Contratti di credito al consumo: fare attenzione a non richiedere il rilascio di carte di credito revolving. Il Centro Tutela Consumatori Utenti di Bolzano (CTCU) invita i consumatori a porre attenzione nella firma dei contratti e ad astenersi dal firmare clausole che consentano alle società emittenti di inviare carte revolving al proprio domicilio o che comportino la stipula di un contratto di finanziamento revolving. (altro…)



Prestiti.it: la stretta al credito si supera con la cessione del quinto

venerdì, 30 novembre, 2012

L’unico modo per ovviare alla stretta al credito attuata dalle banche sembra essere la cessione del quinto, almeno secondo le rilevazioni del broker online Prestiti.it. La cessione del quinto, infatti, è un genere di finanziamento piuttosto peculiare: non solo è accessibile anche a chi è stato oggetto di protesto ma, essendo obbligatoriamente garantito da una copertura assicurativa, è preferito anche dalle finanziarie che, in questo caso, applicano metodi più permissivi per la concessione della somma richiesta, accordando il finanziamento anche a chi, in passato, ha avuto difficoltà nel pagamento di rate o prestiti. (altro…)



Accesso al credito, poteri ai Prefetti. Confconsumatori sensibilizza l’attuazione

martedì, 27 novembre, 2012

Dal 13 novembre scorso è operativa la nuova procedura introdotta dal decreto legge 29/2012 per migliorare l’accesso al credito d’imprese e famiglie. Con l’emanazione, infatti, del provvedimento di Bankitalia, sono state integrate le disposizioni sui sistemi di risoluzione stragiudiziale delle controversie, introducendo la nuova sezione VI-bis che disciplina la segnalazione del prefetto all’Abf. (altro…)



Credito al consumo, Bankitalia: più trasparenza nelle offerte web

venerdì, 23 novembre, 2012

Informazioni più chiare per i consumatori che navigano sul web per scegliere le offerte del credito al consumo. E’ il risultato dell’azione di Bankitalia e Antitrust nell’ambito dello sweep comunitario 2011 i cui dati sono stati resi noti oggi a Bruxelles. Nel nostro Paese sono stati presi in considerazione 15 siti internet: la maggior parte di essi (11) hanno richiesto interventi correttivi mentre solo 4 risultavano in linea con la normativa. La mancanza di informazioni necessarie al consumatore per effettuare scelte consapevoli è stata la principale criticità riscontrata: scarse informazioni negli annunci pubblicitari, moduli Iebcc mancanti di alcune informazioni, TAEG non indicato correttamente oppure documentazione non agevolmente fruibile. (altro…)



Carte di credito non rischieste, Antitrust multa Compass

martedì, 13 novembre, 2012

L’Antitrust a comminato una sanzione amministrativa di 180 mila euro alla società Compass S.p.A. per pratica commerciale scorretta: Compass, Linea ed Equilon hanno concluso contratti di finanziamento nella forma del prestito personale o finalizzato all’acquisto di beni e servizi presso i rivenditori convenzionati senza informare adeguatamente i consumatori che la sottoscrizione del contratto comportava altresì la richiesta di concessione di una linea di credito revolving a tempo indeterminato, utilizzabile anche mediante una carta di credito. (altro…)



Credito al consumo, Federconsumatori: battuta d’arresto

lunedì, 12 novembre, 2012

Contrazione dei consumi e difficoltà ad indebitarsi. Detta così sembra che per le famiglie italiane non ci sia via di uscita. In effetti è così e lo dimostrano i dati che oggi ha diffuso Federconsumatori. Le stime dell’O.N.F. – Osservatorio Nazionale Federconsumatori attestano una contrazione delle consistenze nel 2012 del -5% rispetto al 2009 (da 115 a 109 miliardi di Euro). In pratica, le famiglie si trovano in una situazione di profondo disagio che non gli permette più nemmeno di indebitarsi: le incertezze circa la propria situazione economica e le prospettive future è talmente grande da rendere impensabile l’impegno di sostenere le rate di un prestito. (altro…)



Prestiti.it: si chiedono meno prestiti ma più alti. Serve liquidità

martedì, 9 ottobre, 2012

Gli italiani chiedono meno prestiti ma di valore elevato: in media la richiesta è di 12.500 euro da restituire in più di cinque anni. Se il ricorso al credito al consumo sta seguendo una flessione dall’inizio della crisi, come denunciano le associazioni di Consumatori, chi chiede un prestito ha bisogno di una cifra piuttosto elevata e soprattutto di liquidità, nonché di fondi per acquistare auto e moto usate. Sono i dati del broker Prestiti.it fatti su un campione di oltre 30 mila richieste di finanziamento presentate negli ultimi sei mesi. (altro…)



Prestiti.it: boom di prestiti per la formazione

martedì, 11 settembre, 2012

Nel primo semestre del 2012 banche e finanziarie hanno concesso oltre 30 milioni di euro in prestito agli italiani per pagare le spese scolastiche. E’ quanto rileva un’indagine di Prestiti.it a dimostrazione del fatto che la formazione è vista come un investimento necessario su cui non vanno risparmiate risorse. In media le famiglie chiedono un prestito di 7.200 euro destinati, non solo all’acquisto di libri e quaderni, ma anche alle frequenza di master e corsi di perfezionamento. (altro…)



Prestiti.it: vacanze, il prestito medio è di 4 mila euro

giovedì, 9 agosto, 2012

Vacanze in flessione, d’accordo. Ma non tutti sono disposti a rinunciarci, tanto è vero che nel primo semestre dell’anno sono stati erogati oltre 24 milioni di prestiti per viaggi e vacanze. In media, chi ricorre al credito al consumo chiede poco più di 4 mila euro, una somma molto inferiore – il 41% in meno – rispetto ai circa 7 mila euro che venivano chiesti un anno fa, segno dunque che si cerca di fare ferie ma scegliendo soluzioni più economiche. È quanto evidenzia un’analisi di Prestiti.it sui finanziamenti richiesti per le vacanze. (altro…)



Federconsumatori: credito al consumo, quest’anno a meno 5%

lunedì, 6 agosto, 2012

Le associazioni dei consumatori analizzano la crisi economica a partire dai dati sull’andamento del credito al consumo negli ultimi dieci anni. In aumento dal 2002 al 2009, per quest’anno si prevede invece una contrazione delle consistenze del credito al consumo del 5%, pari a un indebitamento totale di 107 miliardi di euro. Insomma: le famiglie si indebitano sempre meno per i consumi. A evidenziarlo è una elaborazione Federconsumatori su dati Abi, Assofin e Istat. (altro…)