28 novembre, Consumers’Forum incontra le Authority

“Authority nazionali ed europee: prospettive per la tutela dei cittadini”. E’ questo il titolo del convegno che mercoledì prossimo Consumers’Forum organizzerà a Roma. Per il sesto anno consecutivo, l’associazione indipendente composta dalle più importanti Associazioni dei Consumatori, Istituzioni, Università, numerose Imprese Industriali e di servizi e le loro Associazioni di Categoria incontrerà le maggiori Autorità italiane per discutere di tutela dei diritti dei cittadini. La tavola rotonda prenderà le mosse dalla ricerca condotta dall’Università Roma Tre, ‘Consumerism 2012’. In attesa del convegno, Help Consumatori ha intervistato Fabio Picciolini, presidente di Consumers’Forum.

D. In cosa consiste la ricerca che presenterà la prof. Liliana Rossi Carleo?

R. Consumerism 2012 è ormai un appuntamento consolidato. Per il quinto anno consecutivo, l’Università Roma Tre ha fatto il punto sul ruolo e l’attività delle Autorità Indipendenti in Italia e sulle prospettive future. Quest’anno per la prima volta, nel Rapporto sono prese in considerazione, sulla scia di quanto già accade in Europa, gli Organismi che supportano le Autorità principali, soprattutto nel settore finanziario.

D. E’ il caso dell’Organismo per la tenuta Albo dei Promotori Finanziari? Come mai è tra i vostri speakers?

R. Sì, per la prima volta è stato invitato proprio perché non si può più prescindere dal suo ruolo di affiancamento. L’Organismo affianca la Consob ed è competente ex lege in via esclusiva ed autonoma alla funzione pubblica di tenuta dell’Albo unico dei promotori finanziari articolato in Sezioni territoriali ed allo svolgimento dei compiti connessi e strumentali alla gestione dell’Albo stesso. Quest’anno sarà presente anche l’Agenzia per l’Italia Digitale per lo stesso motivo: è la novità degli ultimi mesi e  rappresenta uno snodo cruciale nella gestione di tutti i processi di digitalizzazione, innovazione tecnologica e ammodernamento della Pubblica Amministrazione oltre ad essere l’ente che deve attuare l’Agenda Digitale Italiana.

D. Oltre alle due  novità è prevista la partecipazione, come ogni anno, dell’Antitrust, dell’Aeeg, del Garante Privacy, dell’Isvap, della Consob, dell’Agcom, della Banca d’Italia  e dell’Autorità per la Vigilanza sui contratti Pubblici. Che impatto ha suoi consumatori l’AVCP?

R. L’Autorità per la Vigilanza sui contratti Pubblici ha il potere/obbligo di fissare i prezzi di una molteplicità di beni e prodotti, ad esempio fissa i prezzi di migliaia di vendita oppure le condizioni economiche dei prezzi delle mense scolastiche.

D. Salta all’occhio l’assenza – non per colpa di Consumers’Forum – dell’Autorità dei Trasporti…

R. L’abbiamo rincorsa a lungo. Credo che un’Autorità di regolazione nel settore dei trasporti non è più rinviabile: ci sono troppi problemi che attanagliano il trasporto pubblico in Italia. Dalle infrastrutture, ai costi ai rapporti con il cittadino.

D. Per finire uno sguardo all’Europa. Crede sia possibile una forma di collaborazione tra le nostre Authority e quelle Europee?

R. A titolo personale Le dico che sono fermamente convinto che la globalizzazione dei mercati passi anche e soprattutto attraverso una collaborazione con le Istituzioni Europee, comprese le Authority: oramai le leggi si fanno a  Bruxelles e le Autorità nel lungo periodo diventeranno la ‘longa manus’ di quelle europee.

di Valentina Corvino

Comments are closed.