Carta Servizi, Comune Salerno dà ragione a MDC

Il Comune di Salerno dà ragione al Movimento Difesa del Cittadino in relazione alla mancata emanazione della Carta dei Servizi, per la quale l’associazione si è attivata con una class action amministrativa. Il Comune ha infatti inviato alla sede di MDC una delibera in cui manifesta la volontà di procedere all’emanazione della Carta dei Servizi a tutela del cittadino-utente. Ora la mancata emanazione della Carta passerà al vaglio del Tar.La delibera è stata emessa dopo che lo scorso anno la Sede Provinciale MDC di Salerno aveva inviato una diffida all’esito della quale MDC ha deciso di avviare una class action amministrativa per impugnare il silenzioso diniego dell’Ente.

“Siamo soddisfatti di questo primo positivo riscontro alla nostra iniziativa, – dichiarano da MDC campana –  è importante che la Pubblica Amministrazione sia trasparente e metta a disposizione dei cittadini tutto quello a cui hanno diritto per legge”.

La mancata emanazione della Carta dei Servizi, prevista dalla Legge per tutti i Comuni e le aziende che erogano servizi pubblici sin dal lontano 2007 e mai applicata, significa infatti non consentire al cittadino tramite le associazioni dei consumatori di vedersi garantiti gli standard minimi di qualità dei servizi a pagamento che vengono erogati e quindi l’impossibilità di proporre un eventuale reclamo privandolo dei diritti fondamentali stabiliti dalla Legge per esercitare i propri  diritti. “Ora il provvedimento passerà al vaglio del TAR visto che non è mai stata comunicata ad MDC né risulta disponibile sul sito del Comune –spiega l’associazione – ma ci auguriamo che questo precedente possa costituire un esempio per tutti gli enti locali italiani che fingono ancora di ignorare quanto stabilito dall’art2 comma 461 della Legge 244/07”.

Comments are closed.