Case di cura, Confconsumatori: per malati di Alzheimer il ricovero è gratuito

La nona notizia più letta del 2014 è sul tema sanità e case di cura.

Per i malati di Alzheimer il ricovero nelle case di cura convenzionate e nelle Residenze Sanitarie Assistenziali è gratuito – la retta deve essere a carico del Servizio Sanitario Nazionale – mentre per gli anziani ultra65enni non autosufficienti che non possono più provvedere al pagamento della retta, i parenti non possono essere obbligati a subentrare nel pagamento. I chiarimenti vengono da Confconsumatori, che ha ricevuto numerose richieste di informazioni in tema di ricovero nelle RSA e nelle case di cura convenzionate. Fra i tanti casi che, specialmente dopo aver trattato l’argomento a Mi Manda Raitre, si sono rivolti agli sportelli dell’associazione, occorre fare un distinguo tra i malati di Alzheimer e gli anziani ultra 65enni non autosufficienti o con handicap gravi.

Nel caso di anziani ultra 65enni o con handicap gravi, numerose pronunce confermano che, qualora la persona ricoverata non sia più in grado di provvedere al pagamento della retta con mezzi propri, il Comune e la RSA non possono, come invece spesso avviene, obbligare i parenti a subentrare e a garantire la copertura della retta imponendo la sottoscrizione di un documento, quasi sempre presentato come condizione indispensabile al ricovero. “Su tale documento – spiega l’avvocato di Confconsumatori Giovanni Franchi – si è espressa la Cassazione, valutandolo una promessa unilaterale che perde efficacia in seguito al recesso dell’obbligato: dunque i parenti, ai quali sia stata imposta la sottoscrizione di un impegno di pagamento col vile ricatto che altrimenti non sarebbe stato possibile il ricovero dell’anziano, possono e devono recedere, inviando una formale disdetta (modelli di recesso sono disponibili presso le sedi Confconsumatori) e smettendo di pagare la retta, anche se il parente è ricoverato da tempo”. Non possono essere chieste le somme versate prima del recesso e, va ricordato, se l’anziano ha mezzi propri deve provvedere al pagamento della retta.

Nei pazienti affetti da Alzheimer la Cassazione ha invece stabilito che la retta deve essere a carico del Servizio Sanitario Nazionale, anche perché non è possibile, in questi casi, distinguere tra spese mediche e quella di degenza. “Dunque – chiarisce Franchi – il Comune o la Casa di Cura convenzionata non possono rifarsi sul malato o, se questi è nel frattempo deceduto, sui suoi parenti. Ne discende che sia che il paziente sia ancora in vita sia in caso sia deceduto, è possibile chiedere la restituzione delle rette versate dai parenti e dal malato stesso, rivolgendosi alle sedi di Confconsumatori”.

Un commento a “Case di cura, Confconsumatori: per malati di Alzheimer il ricovero è gratuito”

  1. De Cassai Annusca scrive:

    sono l a moglie di Roberto di anni 70 malato da più di 6 di Alzheimer ricoverato in struttura, Il Comune di residenza,Marcon VE ha preteso e continua a pretendere compartecipazione pagamento retta ai figli fuori casa, con ISEE
    Ho pure incaricato da tempo avvocato per cassazione 4558
    non trova nessuna riposta dalle istituzioni preposte.
    Come devo agire per ottenere i miei diritti.

lascia un commento