CRTCU di Trento: bilancio 2013, più 21% di contatti dai consumatori

Aumentano del 21% i contatti dei consumatori rispetto all’anno precedente e nel 77% dei casi le richieste si sono risolte positivamente per i segnalanti. I temi sui quali maggiori sono state le richieste di assistenza sono viaggi, commercio elettronico e trasporti, mentre fra le questione transfrontaliere primeggiano i reclami sui trasporti aerei verso l’Unione europea. Questo il bilancio dello Sportello europeo dei consumatori 2013 del CRCTU – Centro di ricerca e tutela dei consumatori e degli utenti di Trento.

Sono stati 717 i consumatori che si sono rivolti allo Sportello Europeo dei Consumatori nel corso del 2013 per richiedere informazioni e consulenze in materia di questioni transfrontaliere, viaggi, trasporti e commercio elettronico, con un incremento del 21% rispetto all’anno precedente.

Per quanto riguarda i viaggi e le vacanze lo Sportello ha gestito attraverso il servizio Pronto Turista più di duecento casi, la maggior parte riguardanti problemi relativi ad inadempimenti contrattuali degli organizzatori di viaggio (vacanza rovinata) prima, durante e dopo la vacanza. Il SEC ha contribuito attraverso una richiesta di intervento all’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato a far sanzionare la società Svizzera Bravofly che opera in Italia attraverso il sito Volagratis.it per aver posto in essere alcune pratiche commerciali scorrette nei confronti dei propri clienti

Aumentano i contatti e le richieste di informazioni, nonché i problemi registrati nei servizi post vendita, per il commercio elettronico: fra le aziende segnalate all’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato per presunte pratiche commerciali scorrette, la società Groupon Srl è attualmente oggetto di un provvedimento aperto il 23 dicembre 2013 per quanto riguarda le lacune segnalate nella gestione dei reclami presentati dai consumatori all’azienda, e per il mancato rimborso di prestazioni non eseguite acquistate sul sito.

Costanti le segnalazioni sui trasporti, con un aumento dei problemi con aziende appartenenti all’Unione europea. Le questioni transfrontaliere – altro oggetto di segnalazione da parte dei consumatori – sono state gestite attraverso il canale fornito dal Centro Europeo del Consumo di Bolzano e vedono un aumento dei problemi legati al trasporto aereo all’interno dell’Unione (cancellazioni e ritardi) e dei problemi legati agli acquisti in internet effettuati attraverso siti gestiti da aziende con sede legale oltrefrontiera.

Comments are closed.