Diritto d’autore online, regolamento Agcom: stop a pirateria a fini di lucro

Stop alle violazioni con fini di lucro e alla pirateria ”massiva” online: è quello su cui si concentra lo schema di regolamento per la tutela del diritto d’autore sul web approvato oggi dal Consiglio dell’Agcom. L’Autorità esclude dal suo perimetro d’intervento gli utenti finali (downloaders) e il cosiddetto “peer-to-peer”. Il provvedimento va ora in consultazione pubblica.

Dopo un’approfondita riflessione e un confronto con i modelli di altri Paesi europei, è scaturito un provvedimento nel quale l’Agcom ha cercato di contemperare la tutela del diritto d’autore con alcuni diritti fondamentali, quali la libertà di manifestazione del pensiero e di informazione, il diritto di accesso ad internet, il diritto alla privacy. L’intervento dell’Agcom si fonda comunque sul convincimento che la lotta all’illegalità non possa limitarsi all’opera di contrasto, ma debba essere accompagnata da una serie di azioni positive di importanza cruciale: la promozione dell’offerta legale, l’informazione e l’educazione dei consumatori, essenziali per creare una “cultura della legalità” nella fruizione dei contenuti. In quest’ottica, e come evidenziano esperienze recenti in campo internazionale, l’Autorità ritiene che il fenomeno della pirateria possa ridursi anche grazie a strumenti che favoriscano l’accesso legale alle opere digitali.

“Bene l’approvazione della bozza di regolamento in materia di diritto d’autore online: questo potrebbe cambiare la storia dello sviluppo dell’economia digitale nel nostro Paese”. Così commenta il presidente di Confindustria Cultura Italia (CCI) Marco Polillo che aggiunge: “Nelle prossime ore studieremo il testo e forniremo puntuali valutazioni nella fase di consultazione pubblica. Mi sembra tuttavia che lo schema contenga tutti i presupposti per operare una seria, efficace e non invasiva azione di contrasto alla pirateria on line che consentirebbe l’inizio di una nuova era nello sviluppo dell’offerta legale di contenuti digitali”.

Comments are closed.