Disoccupazione record, Consumatori: Italia diventerà Paese senza futuro

La disoccupazione nel nostro Paese fa segnare un nuovo record: il tasso di disoccupazione a giugno é al 10,8%, in rialzo di 0,3 punti percentuali su maggio e di 2,7 punti su base annua. E’ il tasso più alto da gennaio 2004 (inizio serie storiche mensili). Lo rileva l‘Istat (dati destagionalizzati, stime provvisorie). Guardando le serie trimestrali è il più alto dal III trimestre 1999. Il numero dei disoccupati a giugno è di 2 milioni 792 mila. Lo rileva l’Istat (dati provvisori). Si tratta di un record storico, il livello più alto dall’inizio delle serie mensili (gennaio 2004) e delle trimestrali (quarto trimestre 1992)Il tasso di disoccupazione giovanile (15-24 anni) a giugno è al 34,3%, in diminuzione di un punto percentuale su maggio. Lo rileva l’Istat (dati destagionalizzati e a stime provvisorie) aggiungendo che tra i 15-24enni le persone in cerca di lavoro sono 608 mila. I giovani disoccupati rappresentano il 10,1% della popolazione di questa fascia d’età.

A giugno l’Istat registra un forte calo del numero di inattivi, ovvero di chi non ha un’occupazione e neppure la cerca: su base annua la diminuzione è di 752 mila unità (-5%), mentre su maggio il calo è pari a 52 mila unità (-0,4%). Quindi continua a salire la partecipazione al mercato del lavoro, ma spesso accade che la maggiore offerta si traduce in disoccupazione

“Il dato provvisorio registrato dall’Istat è già di per sé impressionante ma ad esso bisogna aggiungere il fatto che le famiglie sono anche costrette ad affrontare l’impennata dei prezzi, che spesso lievitano in seguito ad intollerabili fenomeni speculativi: come abbiamo già denunciato, nel mese di marzo è stata rilevata una contrazione dei prezzi agricoli pari al -2,3% ma i costi dei prodotti, secondo i dati Istat, stanno facendo registrare un aumento del 3,3% rispetto al 2011”. E’ quanto sostengono Rosario Trefiletti ed Elio Lannutti, presidenti Federconsumatori e Adusbef che aggiungono: “Considerando l’incremento di prezzi, tassazione e tariffe, quest’anno ogni famiglia subirà ricadute per +2.474 Euro”. 

Se non si interviene immediatamente per rilanciare l’occupazione si rischia di trasformare l’Italia in un Paese senza futuro, che non offre ai giovani nessuna prospettiva” concludono i Presidenti.

7 Commenti a “Disoccupazione record, Consumatori: Italia diventerà Paese senza futuro”

  1. ignazio ha detto:

    Siamo destinati a diventare una colonia cinese mentre i nostri giovani si ammazeranno per le briciole con i disperati fuggiti dall’africa. W la globalizzazione.

  2. Fabio ha detto:

    Insieme a questa notizia bisognerebbe dire anche che aumenta anche l’importazione della merce da altri Paesi. Se non si produce come possiamo creare posti di lavoro?

    Credo sia opportuno cambiare la gestione nelle nostre Istituzioni. Uno Stato di tipo federale, ogni Regione risponde della propria economia: elezione diretta di un unico presidente eletto dal Popolo sovrano.

  3. Raggio ha detto:

    Andate in pensione vecchi lasciateci il posto.

  4. carmine ha detto:

    La disoccupazione è ormai a livelli record,perchè i governi continuano ad innalzare l’età dei lavoratori (quindi i giovani come faranno a trovare lavoro ?),però loro non pensano minimamente a tagliarsi gli onerosi benefici ne ad andare in pensione come tutti gli altri e cioè arrivare all’età utile.

  5. corrado ha detto:

    Si è vero diventeremo un paese di disoccupati, poi ci mangeremo tra di noi, e tra non molto succederà una rivoluzione come nei paesi arabi che sono stanchi di essere sottomessi da questi persone laureate…io ho quasi 50 anni e hò figli mi proccupo per il loro futuro, e non sò come andrà a finire anche qui in italia…scusate il mio sfogo di padre…

  6. Max ha detto:

    Ecco le risposte:
    1 – Si assumono pensionati perchè vengono pagati meno e/o non si pagano contributi
    2 – Lavorano solo gli extracomunitari perchè si dice che noi italiani non ci accontentiamo di quei lavori. Poi quando li cerchiamo ci dicono che non ci sono più posti. La verità è che molti lavorano in nero e non possono ribellarsi come farebbe un italiano.
    3 – Si alza l’età pensionistica perchè si spera che il lavoratore muoia e che non gli si debba pagare la pensione. Così il gruzzolo accumulato viene diviso tra chi sappiamo.

  7. Gianni ha detto:

    Perche’ si continua ad assumere pensionati ?
    Tuttora lavorano solo loro.
    Perche’ lavorano solo extracomunitari ?
    Perche’ si alza sempre l’eta pensionistica, invece di diminuirla per dare spazio ai giovani ?