Mercato unico, Commissione europea lancia priorità per la crescita

Priorità per la crescita dell’Europa: reti integrate, mobilità transfrontaliera di cittadini e imprese, economia digitale, azioni che rafforzino i benefici per i consumatori. In occasione del ventesimo anniversario del mercato unico europeo, la Commissione europea ha adottato oggi l’Atto per il mercato unico II, contenente dodici azioni prioritarie che dovranno essere adottate rapidamente dalle istituzioni dell’Unione per portare a compimento il mercato unico, “elemento centrale dell’agenda europea per la crescita al fine di affrontare l’attuale crisi economica”.

“Il mercato unico può fare di più per i cittadini e le imprese dell’Unione europea – ha dichiarato Michel Barnier, commissario europeo per il mercato interno e i servizi – L’Atto per il mercato unico II invita noi responsabili politici a metterci all’opera, a impegnarci e a fornire risultati”.

Le azioni previste si concentrano su quattro fattori principali di crescita, che comprendono le reti di trasporto e di energia –vanno pienamente integrate, nella prospettiva di una maggiore concorrenza nel trasporto ferroviario, marittimo, per la realizzazione del “cielo unico europeo” e di una maggiore efficienza nel settore dell’energia. Tali interventi passano inoltre attraverso la mobilità di cittadini e imprese, dunque dalla rimozione di ostacoli pratici e giuridici ancora esistenti. E rivendicano le importanti ricadute dell’economia digitale.

In particolare, riconosce l’Europa, “la rivoluzione dell’economia digitale resta un’opportunità da non perdere” e per realizzare il mercato unico digitale entro il 2015, la Commissione propone di agevolare il commercio elettronico nell’UE grazie a servizi di pagamento di più facile utilizzo, più affidabili e competitivi; di affrontare una delle principali cause dei mancati investimenti nelle connessioni veloci a banda larga, ovvero i costi dell’ingegneria civile, e di rendere comune la fatturazione elettronica nelle procedure relative agli appalti pubblici.

Il quarto ambito di intervento è quello che riguarda imprenditoria sociale, coesione e fiducia dei consumatori. Il successo del mercato unico dipende anche dalla partecipazione economica e sociale che genera, e fondamentale è la fiducia dei consumatori, nonché la possibilità per loro di accedere alle opportunità del mercato. Per questo la Commissione vuole il miglioramento delle norme sulla sicurezza dei prodotti e della loro applicazione e misure per garantire l’accesso generalizzato ai conti correnti, insieme a commissioni trasparenti e comparabili e a un trasferimento più semplice del conto corrente.

Comments are closed.