One Billion Rising, oggi Flash Mob contro la violenza sulle donne

Un Flash Mob per danzare tutti insieme contro la violenza sulle donne. E’ l’iniziativa che si terrà oggi, nel giorno di San Valentino, in diverse città di tutto il mondo: “One Billion Rising” rientra nella campagna internazionale ideata dalla drammaturga americana che ha lanciato l’invito a tutti a denunciare, proprio nel giorno degli innamorati, il terribile fenomeno del femminicidio. Sono un miliardo le donne che, in tutto il mondo, sono state vittime della violenza maschile: un amaro destino che, secondo le statistiche, può toccare una donna su 3 nel mondo.

Anche al Parlamento Europeo si danza per i diritti delle donne, ricordando che la settimana scorsa i deputati hanno approvato una risoluzione contro la violenza sulle donne. “Le donne devono potersi sentire al sicuro: è tempo di agire – ha detto il presidente della commissione per i diritti della donna Mikael Gustafsson – Abbiamo bisogno di azione, le parole non bastano. Ed è venuto il momento di investire risorse e soldi per lottare contro la violenza di genere. Come uomo e femminista devo fare tutto quello che posso per passare il messaggio. Il 14 febbraio sarò presente e pronto a ballare!”.

Tutti possono partecipare, grazie a YouTube si può imparare la facile coreografia del Flash Mob e dalla pagina Facebook dell’evento è possibile scaricare un logo da applicare alla maglietta. L’imperativo è: indossare solo e rigorosamente abiti rossi e neri. Sul www.onebillionrising.org e sul sito italiano di ‘Se non ora quando’ è possibile trovare il flash mob più vicino.

In Italia sono in programma migliaia di eventi: a Milano l’appuntamento è fissato per le 18.45 in Piazza Duomo (dove ballerà anche Michelle Hunziker), a Torino il ritrovo è alle 19 in Piazza Castello, mentre a Firenze si inizierà alle 15 in Piazza della Repubblica e a Napoli alle 16 in Piazza del Plebiscito. A Roma gli appuntamenti principali sono: alle 14.30 in Piazza del Popolo, alle 16 in Piazza di Spagna e alle 16.45 sotto l’Arco di Costantino.

Comments are closed.