Sardegna, i Consumatori scrivono ai candidati Presidente

Regole chiare e certe di confronto con chi i consumatori e con chi li rappresenta; nessuno spreco di risorse pubbliche per progetti dedicati ai consumatori ma mai condivisi con le associazioni, un tavolo di monitoraggio dei servizi pubblici. Sono queste alcune della richieste che il Coordinamento Regionale Associazioni Consumatori Indipendenti sardo ha rivolto ai candidati presidenti della Regione. In una lettera aperta Altroconsumo, Assoutenti, Casa del Consumatore, Codici, Confconsumatori e Unione Nazionale Consumatori esprimono, innanzitutto, il rammarico per l’assenza, in tutti i programmi elettorali, di specifiche proposte per i consumatori.Le Associazioni chiedono, altresì, che venga inserito in programma un percorso che porti la regione verso l’identità e parificazione con le altre regioni in materia di consulta e legge per i consumatori, cosi come chiedono una lotta comune per contrastare ogni forma di ingiustizia a danno dei cittadini. Allo stesso tempo il Coordinamento chiede un piano di servizi e trasporti degno dell’Isola soprattutto a partire dalle infrastrutture interne magari inziando con stipulare il contratto di servizio con Trenitalia ove la stessa regione ha avuto risorse economiche da luglio 2013 e mai utilizzate per lo stesso .

Comments are closed.