Asili nido, quando il pubblico ‘latita’ il privato si fa largo

E’ noto che il nostro Paese soffre, endemicamente, della mancanza di strutture di sostegno alla famiglia. In primis, gli asili nido: quasi tutte le mamme, o almeno quelle costrette a ritornare a lavoro in tempi brevi hanno dovuto affrontare le liste d’attesa dei nidi pubblici. Sarà per questo motivo che nel nostro Belpaese aumentano le aperture in franchising di asili nido che possono vantare alle spalle un’esperienza consolidata. E’ il caso del marchio “Il Pianeta dei Bambini”: otto nuove aperture in sei mesi e altre già in programma. “C’è una maggior richiesta di strutture valide a cui affidare i piccoli mentre i genitori sono al lavoro – afferma Cristina Malvini, che nel 1999 ha fondato il marchio Il Pianeta dei Bambini -. Si tratta però di un settore molto delicato, anche perché al centro di tutta l’attività ci sono i bimbi, la loro crescita ed educazione”.Aldilà della burocrazia e dei suoi cavilli, il marchio offre ai genitori la garanzia di affidare i propri figli ad un personale qualificato: “L’offerta formativa del Pianeta è sempre aggiornata e al passo con i tempi – spiega l’imprenditrice -. Organizziamo laboratori creativi che sono improntati verso la multiculturalità, l’inglese e attività con materiali eco compatibili o di riciclo. Attenzione è dedicata anche a mamme e papà, con incontri formativi specifici e progetti come lo Sportello dei Genitori, dove una psicologa è a disposizione per ascoltare e consigliare su dubbi e difficoltà”.

Comments are closed.