Ciampino, crollo scuola, Cittadinanzattiva: “Accertare responsabilità”

Sfiorata la tragedia a Ciampino, nella scuola materna Martin Luther King, in via Bologna 1: è crollato un pezzo di solaio dal tetto di un’aula e sono state colpite la maestra e una bimba di cinque anni. Le loro condizioni non sono gravi e sono in corso rilievi per accertare l’origine del cedimento.

Il sindaco di Ciampino il 6 novembre scorso aveva firmato un’ordinanza di chiusura per un giorno della scuola in questione, perché erano state rilevate “infiltrazione d’acqua nel solaio tra il piano terra e il primo piano a causa della rottura di un tubo del riscaldamento”. A seguito del cedimento di stamane l’edificio scolastico, evacuato in via precauzionale, resterà chiuso fino al 14 dicembre.

I Presidenti di ANCI e Upi, Graziano Delrio e Antonio Saitta in una lettera inviata al Ministro dell’Istruzione, Francesco Profumo e al Ministro delle Infrastrutture, Corrado Passera, chiedono “un ampliamento dell’utilizzo delle risorse destinate al finanziamento di interventi per la messa in sicurezza delle scuole previsto dalla delibera CIPE n.3/2009’’.

Dopo aver segnalato che  “sono pervenute, da parte di alcuni enti locali, segnalazioni di casi in cui i limiti del finanziamento rendono impossibile o non conveniente l’uso delle risorse loro assegnate nell’ambito del piano straordinario stralcio di interventi urgenti sul patrimonio scolastico’’ Delrio e Saitta propongono “di risolvere tale criticità con un ampliamento dell’utilizzo delle risorse finanziate”.

ANCI e Upi propongono inoltre “che le economie maturate possano venire utilizzate, in forma residuale, per l’eliminazione di vulnerabilità non contemplate nel progetto originario e per miglioramenti della funzionalita’ dell’edificio ove sia messo completamente in sicurezza l’edificio esistente e vi sia una compartecipazione di altri finanziamenti’’. Delrio e Saitta confidano in un “diretto intervento presso il CIPE per un positivo accoglimento delle richieste avanzate”.

“Non possiamo continuare a mettere a repentaglio la vita dei più piccoli prima che le nostre istituzioni, nazionali e locali, mettano in agenda come prioritaria l’edilizia scolastica – dichiara Adriana Bizzarri, coordinatrice nazionale della Scuola di Cittadinanzattiva – Nel frattempo, la scuola che dovrebbe essere il luogo più sicuro e protetto, si è dimostrata essere ancora una volta, pericolosa: quale favola racconteranno ai bambini della scuola materna “M. L. King” di Ciampino per spiegare quanto è successo alla loro compagna? Come spiegare ai genitori che solo per pura coincidenza non si è verificata l’ennesima  tragedia?”

“Nel caso di Ciampino il problema era noto e il Comune era intervenuto, un mese fa, per far fronte ad infiltrazioni di acqua nel solaio a causa di una tubatura rotta – aggiunge Bizzarri – Chiediamo che siano accertate le responsabilità in tempi rapidi. In queste condizioni, data la gravità della situazione, chiediamo agli enti locali di effettuare sopralluoghi esplorativi nelle scuole durante le vacanze di Natale. Al Governo chiediamo che  indichi con chiarezza l’ammontare delle risorse a disposizione del Fondo Unico per l’Edilizia scolastica contenuto nel  Decreto Sviluppo, e che dia il via libera al disegno di legge per destinare la parte dell’8X1000 di competenza statale alla messa in sicurezza delle scuole, perchè la carenza di fondi non diventi un pretesto per l’immobilismo”.

 

 

Comments are closed.