Nuovo crollo al Liceo Darwin, Cittadinanzattiva: “3 mln di euro per la messa in sicurezza, ma nulla è stato fatto”

Un altro crollo al liceo Darwin di Rivoli, la scuola dove soltanto 3 anni fa il cedimento di un controsoffitto uccise lo studente Vito Scafidi. Il crollo di un pezzo di soffitto, scoperto questa mattina, sarebbe avvenuto nell’aula attigua a quella nella quale cadde il soffitto che uccise il ragazzo.

La Procura della Repubblica di Torino aprirà un’indagine di cui si occuperanno i magistrati del pool di Raffaele Guariniello, gli stessi del caso Scafidi.

“Siamo scandalizzati di quanto accaduto perché, a distanza di oltre tre anni dalla morte di Vito Scafidi e nonostante l’erogazione di 3 milioni di euro per la messa in sicurezza del Liceo Darwin, nulla è stato fatto”. E’ il commento di Adriana Bizzarri, coordinatrice nazionale della scuola di Cittadinanzattiva. “Se anche in una scuola pesantemente segnata da una tragedia così grande si tarda ad intervenire per presunti problemi burocratici continuando a mettere a repentaglio la vita di studenti e personale, come pensare di invertire la tendenza per la messa in sicurezza nel resto delle scuole?” chiede Bizzarri.

Venerdì il Cipe dovrebbe sbloccare i fondi Fas destinati alla edilizia scolastica, e questa per noi è una ottima notizia – continua Bizzarri – Ma alla luce di quanto accaduto oggi, chiediamo al Governo di svincolare i fondi per la messa in sicurezza delle scuole dal Patto di stabilità, semplificare le procedure burocratiche per rendere utilizzabili quelli già disponibili, soprattutto nelle scuole come il Darwin che sono ospitate in immobili nati ad altro scopo, e rendere pubblica e fruibile l’Anagrafe dell’edilizia scolastica, facendone uno strumento operativo per definire gli interventi più urgenti”.

Comments are closed.