Scuola Ingegneria Aerospaziale, Codici: “La Sapienza non rispetta la sentenza del Tar Lazio”

Il Codici continua la sua battaglia contro l’Università La Sapienza di Roma in difesa della SIA, la Scuola di Ingegneria Aerospaziale. Ecco un riepilogo dei fatti: a fine 2010, nell’ambito del riordino delle facoltà, era stata proposta la temporanea sospensione della SIA, la disattivazione del relativo centro di spesa e il trasferimento delle attività residue e dei relativi fondi al dipartimento di afferenza dei docenti.

Il motivo? La mancanza dei  finanziamenti da parte del MIUR per l’attivazione della SSSA, Scuola Superiore di  Studi Avanzati e l’inutile dispendio di risorse per le Scuole che dovrebbero fare parte della SSSA. Il Codici, contrario alla soppressione di un’attività così eccellente, aveva avviato un’azione legale contro La Sapienza, inviando un ricorso al Tar del Lazio. Inoltre l’Associazione aveva approfondito e denunciato, in un servizio ancora online su spazio consumatori.tv, le condizioni di degrado in cui da tempo versa la struttura, come segnalato da numerosi studenti universitari. Ma, nonostante il Tribunale abbia accolto il ricorso,  La Sapienza non sembra voler adempiere ai suoi obblighi, aggirando di fatto la sentenza.

Pertanto il Codici ha notificato al Tar un giudizio di ottemperanza per ottenere giustizia. “La posizione assunta dall’Università La Sapienza di Roma e dal Rettore Luigi Frati – commenta Ivano Giacomelli, Segretario Nazionale del Codici – è inaccettabile, in quanto crea grandi difficoltà ad una struttura di eccellenza come quella della SIA. Ci auguriamo vivamente che il Tar riesca nel minor tempo possibile a ripristinare una situazione di giustizia”.

 

Comments are closed.