Canone Rai, se si possiede la tv bisogna pagare

C’è poco da fare: se si possiede un televisore, il canone Rai va pagato. Insieme all’avvicinarsi della scadenza, torna puntuale la causa per boicottare il canone e in Rete si moltiplicano notizie infondate su provvedimenti che legittimerebbero l’evasione. L’ultima bufala, in ordine di tempo, è quella per cui esisterebbe una sentenza della Corte europea dei diritti umani che si sarebbe espressa sull’illegittimità della tassa. “Mettiamoci l’anima in pace perché, come ha precisato l’Agenzia delle entrate, si tratta di una notizia falsa e priva di qualsiasi fondamento”, precisa Altroconsumo.

L’Agenzia delle Entrate ha infatti diramato una nota nella quale ribadisce che la notizia è falsa e che il canone Rai va pagato. “È falsa e destituita di ogni fondamento la notizia diffusa nei giorni scorsi sulla presunta decisione della Corte Europea dei Diritti dell’Uomo riguardo l’illegittimità della riscossione del Canone radiotelevisivo. Al contrario, la Corte Europea si è pronunciata con decisione 33/04 del 31 marzo 2009, affermandone la piena legittimità – spiega l’Agenzia – Pertanto, tutti i possessori di un apparecchio atto o adattabile alla ricezione di programmi radiotelevisivi sono tenuti al pagamento del Canone entro il 31 gennaio 2014. In caso di inottemperanza, saranno applicate le sanzioni previste dalla Legge”.

Quando è possibile non pagare il canone Rai? Come ricorda Altroconsumo, se non si ha la tv o solo la radio, se si possiede solo un pc, un tablet o uno smartphone. L’esenzione dal pagamento del canone Rai spetta a chi possiede questi tre requisiti: chi ha compiuto i 75 anni entro il termine di pagamento del canone (31 gennaio 2014, in questo caso), convive solamente con il coniuge e, conteggiando anche il reddito del coniuge, ha un reddito annuo lordo non superiore a 6.713,98 euro.

La disdetta non è affatto semplice: nei fatti, bisogna “disfarsi” della televisione. Altroconsumo ricorda che la disdetta è prevista solo in questi tre casi:

  • Comunichi all’Agenzia delle entrate (Direzione Provinciale I di Torino – Ufficio territoriale di Torino 1 Sportello S.A.T. Casella postale 22 – 10121 Torino), tramite raccomandata a.r., il mancato possesso di apparecchi televisivi (in seguito a furto, rottamazione, incendio…)
  • Segnali la cessione degli apparecchi in grado di ricevere il segnale televisivo, indicando le generalità del nuovo proprietario
  • Richiedi all’Agenzia delle entrate (Direzione Provinciale I di Torino – Ufficio territoriale di Torino 1 Sportello S.A.T. Casella postale 22 – 10121 Torino) il suggellamento (chiusura tramite appositi involucri) degli apprecchi, in modo da risultare inutilizzabili. Questa operazione costa 5,16 euro per ogni apparecchio da suggellare.

Un commento a “Canone Rai, se si possiede la tv bisogna pagare”

  1. marisa ha detto:

    sbagliato x 2013 canone 109 euro x 2014 113.50 e non dite che non cè aumento ,, furto legalizzato?????????????????’