Caso MasterChef e scommesse anomale, Magnolia smentisce e minaccia esposto

Il caso delle scommesse anomale sulla finale di MasterChef, denunciato dal settimanale l’Espresso, viene smentito “categoricamente” da Magnolia S.p.A. – la società di produzione di MasterChef Italia secondo cui non c’è stata alcuna “irregolarità nella diffusione del nome del vincitore della terza edizione del programma, la cui proclamazione è stata annunciata in diretta tv lo scorso giovedì 6 marzo”.

“La busta – spiega Magnolia in una nota – è stata sigillata il 27 luglio scorso al termine delle registrazioni alla presenza del Notaio Eleonora Sciarrone che ha garantito il regolare svolgimento della procedura. La stessa busta è stata poi consegnata il 6 sera pochi secondi prima della messa in onda, dallo stesso Notaio direttamente nelle mani di Carlo Cracco. Le uniche persone a conoscenza del nome contenuto nella busta aperta in diretta televisiva e davanti al vasto pubblico presente ai Magazzini Generali di Milano, erano i tre giudici del programma che hanno scelto il vincitore tra i due finalisti dell’edizione,  e i soli responsabili diretti del programma di Magnolia”.

 Sky e Magnolia depositeranno un esposto alla magistratura in merito a quanto dichiarato dal responsabile della società Bet1128 chiedendo peraltro di poter accedere all’elenco di chi ha piazzato nelle ultime ore prima della finale scommesse che possano apparire irregolari.

Comments are closed.