Il movimento dei consumatori: ascesa e declino nel libro di Carlo Pileri

Tra il 2000 e il 2008 le associazioni dei consumatori hanno un grande sviluppo e impongono la loro influenza sulla scena di un’Italia che comincia a convivere con quella  crisi che poi esploderà alla fine del decennio. Mentre i sondaggi di Mannheimer, nel 2003, danno all’Intesa dei consumatori (l’aggregazione fatta da Adoc, Codacons, Adusbef e Federconsumatori nel 2002) un consenso del 71% dopo i primi scioperi della spesa,  le imprese italiane, che non sono abituate alla concorrenza, devono confrontarsi con un fronte dei consumatori che porta allo scoperto questa nervo dolorante della economica italiana.

I Sindacati non vogliono cedere il ruolo egemonico di rappresentare gli interessi sociali, rischiando, per difendere rendite di posizione acquisite,  di farsi mettere in un angolo da cui sarà sempre più difficile uscire. E i Partiti, che hanno sempre avuto timore di cedere spazi di rappresentanza a nuovi soggetti sociali, tollerano le  emergenti associazioni (oltre a Intesa è nata anche Consumatori Uniti) fino a che sono funzionali alle loro strategie, ma sono pronti ad emarginarle, ed a togliere ogni forma di finanziamento, non appena acquisiscono una loro capacità di rappresentanza autonoma ed un consenso mediatico come pochi altri hanno avuto nel passato.

Questo è il quadro in cui si dipana il racconto di Carlo Pileri, Presidente dell’ADOC dal 2000 all’aprile 2012, nel libro intitolato “Quando volano i fenicotteri. Ascesa e declino del movimento dei consumatori”. Si tratta di un racconto critico, che ricostruisce con puntualità e documentazione i fatti, narrandoli in prima persona e al presente, arricchendolo con le emozioni, le amarezze, gli entusiasmi le perplessità che, scorrendo le pagine, appassionano il lettore e lo rendono partecipe di quella storia, che è la storia di tutti. Il blackout elettrico del 2003, la legge salva compagnie, i mutui usurari, l’anatocismo,  il telemarketing e il televoto, le disfunzioni dei servizi e i rincari delle tariffe, i treni in ritardo, la perdita dei bagagli e le vacanze andate male. Fino al naufragio della Costa Concordia. Narrazione e flashback di ricordi,  scorrono veloci mentre nel sottofondo appaiono e scompaiono le vicende di tutti i giorni: la lotta delle famiglie per salvare i risparmi, l’attentato dell’11 settembre, il cambio Lira-Euro, la diffusione dei telefoni cellulari e di internet mentre il  Nasdaq, creando illusioni in facili guadagni finanziari, provoca delusioni e perdite inaudite per i novelli azionisti fai da te.

Nel libro sono descritti episodi inediti, dagli attacchi di esponenti del sindacato ai consumatori, agli incontri segreti, con l’ANIA, con le Banche, con Fini e perfino tra Marrazzo e Rienzi prima delle elezioni regionali del 2005.

Il libro è in vendita in versione eBook nei negozi Amazon e su iTunes al prezzo di 4,99 Euro.

Comments are closed.