Contratti telefonici truffa, Tribunale Grosseto annulla abbonamento e condanna compagnia a pagare 3.500 euro

Il Tribunale di Grosseto condanna una nota compagnia telefonica a pagare 3.500 euro per una truffa contrattuale: nel 2008 uno scaltro venditore aveva stipulato dei contratti telefonici con tre operatori economici del Comune di Scansano (Grosseto). All’arrivo dei videofonini, l’amara scoperta: nella zona non c’era alcun segnale telefonico. 

In un primo momento sono stati proprio i “futuri clienti” ad obbiettare l‘assenza del segnale telefonico della compagnia nel Comune di Scansano; il venditore era tornato qualche settimana dopo per dimostrare come, in realtà, la zona fosse ormai coperta dal segnale. A quel punto le vittime hanno “abboccato” ed hanno stipulato i contratti.

Dopo inutili reclami e anche un inutile tentativo di conciliazione, di fronte alle pressanti richieste di pagamento della compagnia telefonica, del tutto disinteressata alle motivate  contestazioni dei clienti, questi si sono rivolti al Tribunale tramite la Confconsumatori. Con la sentenza n. 1128/2011, dopo approfondita istruttoria nella quale sono stati sentiti testimoni e assunte informazioni presso gli uffici comunali per accertare l’esistenza (all’epoca dei fatti) di ripetitori telefonici della compagnia in questione, il Tribunale di Grosseto ha dichiarato l’annullamento dei contratti di abbonamento telefonico per dolo della compagnia, ha configurato nel comportamento della stessa il reato di truffa contrattuale ex articolo 640 c.p. condannandola al pagamento di 1.500 euro a titolo di danno morale, oltre a 2.000 euro di spese del giudizio, oltre a dichiarare che nulla devono i clienti alla compagnia telefonica in questione.

La compagnia non ha contestato la decisione del Giudice e ha pagato le spese cui è stata condannata. Ma per Confconsumatori la battaglia non finisce qui: l’Associazione inoltrerà la sentenza all’Autorità Antitrust per chiedere l’applicazione delle sanzioni di legge per l’adozione di pratica commerciale scorretta.

 

Comments are closed.