Tariffa fisso-mobile, dal 1° luglio Telecom aumenta. Altroconsumo: ignorati tagli su tariffe terminazione

Dal 1° luglio 2012 dovrebbero scattare le nuove tariffe di Telecom Italia per le telefonate dal fisso al mobile: ci sarà un aumento medio di 0,25 centesimi. Lo denuncia Altroconsumo che ha scritto una lettera all’Agcom, all’Antitrust e alla Commissione Europea per segnalare il comportamento scorretto di Telecom Italia che non trasferisce al consumatore il beneficio derivante dai tagli alle tariffe di terminazione di 2,8 centesimi al minuto.

Nonostante le richieste della Commissione europea e gli auspici dell’Agcom, l’azienda annuncia un aumento delle tariffe. Altroconsumo allora rilancia la petizione sul sito www.abbassalatariffa.it, cui hanno già aderito 30.000 utenti: “dopo aver ottenuto il taglio delle tariffe di terminazione ora rivendichiamo quello del fisso-mobile”.

L’Associazione spiega che “in linea di principio il nuovo posizionamento di Telecom è legittimo perché il settore non è regolamentato, tuttavia inficia i benefici che il consumatore avrebbe ottenuto seguendo la tendenza di rimodulazione tariffaria con un occhio alle medie di prezzi in Europa”. Praticamente Telecom posiziona l’asticella e gli altri operatori potrebbero allinearsi sugli stessi prezzi, violando le regole della concorrenza.

Secondo i calcoli di Altroconsumo la tariffa fisso-mobile media al minuto attuale è di 9,65 cent contro una tariffa media attesa di 6,85 cent; dal 1° luglio, però, la nuova tariffa Telecom dovrebbe essere di 9,90 cent.

 

Comments are closed.