Cellulari: dall’Europa un emendamento per il caricabatteria universale

Sì a un caricabatteria universale che permetta di tagliare costi e sprechi inutili per i consumatori europei. La Commissione Mercato Interno del Parlamento europeo ha approvato all’unanimità un emendamento alla legislazione sulle apparecchiature radio, che obblighi i produttori di smartphone e tablet ad adottare un caricabatterie universale che ponga fine al “caos dei cavi per i cellulari e i tablet”.

“E’ giunto il momento che in tutta l’Ue sia reso obbligatorio un caricatore universale per tutti i dispositivi – afferma Pietro Giordano, presidente nazionale Adiconsum – Stare al passo con l’evoluzione tecnologica non deve comportare un costante aggravio di spesa per i consumatori, costretti ad acquistare accessori di ricarica diversi per ogni dispositivo elettronico”. Il caricabatteria universale è una soluzione per contrastare l’aumento dei costi a carico dei consumatori, prosegue Giordano, sottolineando che cambiare dispositivi elettronici “non è solo un capriccio per il consumatore, meno che mai in un periodo di crisi quale quello attuale, quanto piuttosto il frutto di una vera e propria necessità, dovuta alla rapida obsolescenza dei dispositivi elettronici e all’esigenza di non rimanere indietro rispetto al  progresso tecnologico”. Allo stesso tempo, l’interoperabilità di un caricatore universale potrebbe contribuire a ridurre i rifiuti elettronici.

Comments are closed.