Altroconsumo: energy drink, niente abusi

Attenzione all’abuso di energy drink da parte degli adolescenti. Anche se la quantità di caffeina presente in una lattina in genere è quella di un caffè, Altroconsumo sottolinea che il consumo di una sola lattina spesso copre da sola o supera la dose giornaliera di caffeina accettabile per un adolescente. “Abbiamo chiesto di sanzionare Red Bull, Energia Power Drink e Monster, i tre energy drink che più puntano al pubblico adolescente, senza però metterlo in guardia sui rischi”, afferma l’associazione.

Gli energy drink possono essere pericolosi per i giovanissimi che ne abusano o ne fanno un uso sbagliato, per esempio per reggere i postumi di una sbornia. A sollevare il caso non è solo Altroconsumo. Basti pensare che lo scorso mese un allarme è arrivato dal Comitato nazionale per la sicurezza alimentare, che ha denunciato i rischi per la salute derivanti dal consumo eccessivo di energy drink, quindi di sostanze stimolanti e caffeina, specialmente se il loro consumo è associato a quello dell’alcol. “Bisogna prestare molta attenzione al consumo dei cosiddetti ‘energy drinks’,  bevande analcoliche che contengono sostanze stimolanti. Infatti il consumo eccessivo di esse non è “scevro da rischi per la salute umana”: è quanto affermava il Comitato nazionale per la sicurezza alimentare sottolineando i pericoli che derivano dall’assunzione contemporanea di energy drink e di alcol e ricordando che i maggiori consumatori sono giovani adulti ma anche adolescenti.

Oggi torna a sollevare la questione Altroconsumo, che sottolinea: “Anche se bisogna sfatare i miti sui loro incredibili poteri o sulla presenza di ingredienti misteriosi, gli energy drink restano comunque una moda da tenere sotto stretta sorveglianza. Infatti favoriscono l’obesità giovanile, al pari di tutte le bevande zuccherate, possono indurre comportamenti sbagliati e possono interferire in maniera anomala con il sistema nervoso, soprattutto se a berli sono i ragazzi, perché questi ultimi hanno una soglia di tolleranza alla caffeina, principale ingrediente, piuttosto bassa.”.

L’associazione ha portato in laboratorio 12 marche per misurare la quantità di caffeina e zucchero presenti in ogni lattina, confrontandoli con le bevande che tradizionalmente contengono caffeina – quella alla cola, tè e caffè freddo. “In generale, considerando la lattina classica da 250 millilitri, la quantità di caffeina presente si avvicina ma non supera mai gli 80 mg, cioè il valore medio di un caffè espresso – spiega l’associazione – Fanno eccezione alcuni prodotti che, per la grandezza maggiore della lattina, contengono molta più caffeina per unità di consumo (150 mg)”.

Il problema sta nella soglia limite di caffeina che un adolescente dovrebbe assumere. Secondo gli esperti, spiega l’associazione, la dose giornaliera di caffeina ritenuta accettabile per un adulto in buone condizioni di salute è di 400 mg, valore che scende a 100 mg per gli adolescenti. Quindi “gli energy drink non sono consigliabili per gli adolescenti, perché il consumo di una sola lattina copre spesso quasi tutta la dose giornaliera accettabile di caffeina e a volte, addirittura, la supera. Vale lo stesso discorso per lo zucchero, di cui queste bevande sono molto ricche”. E spesso il consumo non si limita affatto a una sola lattina, specialmente se assunto in compagnia e durante una serata in discoteca.

Comments are closed.