Help, 10 anni di passione

Il panettone lo mangeremo anche quest’anno, per la decima volta. Era il 2003 quando all’interno del primo progetto finanziato dal Ministero dell’Industria appariva su internet la prima notizia di Help. Da allora ne abbiamo scritte almeno diecimila, raccontando agli italiani le battaglie delle associazioni consumatori, le decisioni del legislatore e del governo,  le segnalazioni dei cittadini, gli interventi delle Autorità di regolamentazione, l’Europa.

Abbiamo conquistato, giorno dopo giorno, una credibilità e un ruolo che ormai ci vengono riconosciuti da tutti . Perché pur essendo dichiaratamente di parte, e cioè dalla parte dei consumatori, abbiamo sempre cercato di rappresentare con onestà intellettuale e completezza il punto di vista di tutti gli attori in gioco, di tutti gli stakeholders, a partire da quelle aziende di cui abbiamo raccontato scelte non condivisibili, violazioni dei diritti dei consumatori o provvedimenti sanzionatori.

Alla base di questa scelta c’è stata anzitutto la mia convinzione di fondo che solo da un confronto delle varie ragioni e degli interessi contrapposti è possibile arrivare a soluzioni positive e possibilmente condivise, ma comunque trasparenti. 

Una impresa non è un ente di beneficienza, deve fare profitto, creare e mantenere occupazione, curare i suoi interessi commerciali, svilupparsi e crescere. Ma questi obiettivi vanno perseguiti nel rispetto delle regole, considerando il consumatore-cliente come un soggetto che ha i suoi diritti riconosciuti dalle leggi nazionali e  comunitarie. Ed è spesso un soggetto debole, che va anzitutto informato adeguatamente, tutelato e protetto sia nel momento della scelta consapevole del bene o del servizio che acquista, sia per un congruo periodo di tempo successivo di garanzia del prodotto o per tutta la durata dell’erogazione.

Help si è imposto negli anni informando, fornendo strumenti di conoscenza, valutazioni, segnalazioni. Abbiamo valorizzato il lavoro quotidiano e spesso poco noto delle associazioni consumatori; abbiamo illustrato provvedimenti legislativi contorti e complessi; abbiamo dato anticipazioni su scelte che il Parlamento, il Governo o le aziende si apprestavano a fare e che ci allarmavano.

Anche le aziende hanno trovato in Help uno strumento utile a far conoscere le motivazioni delle loro scelte, soprattutto quando sono state discusse o contestate fino al ricorso giurisdizionale.

Grazie a internet, Help arriva quotidianamente sui monitor dei Ministeri e delle più lontane e decentrate sedi di associazioni; negli uffici legali delle grandi utilities e sul tavolo del piccolo imprenditore artigiano; sul tablet dei  commissari delle Authority e del cittadino che vuole essere informato.

Tutto questo è stato possibile in questi anni grazie soprattutto al grande impegno professionale dei giornalisti che in dieci anni hanno scritto le diecimila notizie, hanno intervistato i protagonisti del consumerismo italiano ed europeo, hanno interpretato e spiegato testi legislativi spesso incomprensibili, hanno rintracciato protagonisti di piccoli-grandi fatti di quotidiana cronaca di violazioni dei diritti.

Norma, Sabrina, Valentina, Antonella, Marco, Silvia, Laura, Alessio, Elena, Cristina, Davide sono stati negli anni i protagonisti di questa avventura giornalistica che ha raccontato un pezzo d’Italia, con i suoi problemi, le sue vittorie e le sue sconfitte. E’ soprattutto grazie al loro impegno, sempre di alta qualità e inadeguatamente compensato per i magri bilanci aziendali,  che Help  arriva a celebrare i 10 anni di vita e si appresta a iniziare il secondo decennio.

Le associazioni consumatori del CNCU (ma non solo, perché HC rappresenta un punto di riferimento anche per altre realtà locali o per nuovi soggetti emergenti a livello nazionale) sono state il secondo punto di forza di Help. Senza le loro iniziative, le interviste dei leader, i comunicati stampa, che quotidianamente alimentano il notiziario, avremmo poco da raccontare.

Poi ci sono  le aziende che in questi anni ci hanno ‘supportato’ sottoscrivendo l’abbonamento ai nostri servizi e ci hanno permesso di sopravvivere e di rafforzarci senza mai condizionare il nostro lavoro, anche se spesso ci hanno chiesto ospitalità per rispondere e spiegare le loro ragioni.

A tutti va il mio ringraziamento personale e insieme la richiesta di un rinnovato impegno per una informazione sempre più puntuale, documentata, obiettiva ed efficace.

Il Paese forse intravede l’uscita dal tunnel di questo difficile decennio di recessione e crisi, non solo economica ma anche politica e sociale. Help ha contribuito a raccontarla, cercando di offrire qualche risposta in termini di maggiore informazione, consapevolezza e tutela.

Vogliamo raccontare anche il prossimo decennio, che speriamo davvero sia di ritorno dell’Italia alla crescita e al protagonismo positivo nel mondo.

Help ci sarà, col vostro aiuto. Auguri!

Antonio Longo

Un commento a “Help, 10 anni di passione”

  1. Romano ha detto:

    Indubbiamente fate un bel lavoro, però non siete stati solo a favore dei cittadini-consumatori, ma anche e soprattutto di certi partiti e linee politiche.
    Altrettanto critici e duri non lo siete stati nei confronti dei due ultimi governi che hanno ridotto il Paese ed i cittadini alla fame.