Vodafone fa pagare il servizio sul credito residuo, Feder: “Record di assurdità”

L’ultima trovata di Vodafone batte ogni record di assurdità: a partire dal 18 settembre l’utente per conoscere il proprio credito dovrà pagare. “Un vero paradosso!” denuncia Federconsumatori che segnala subito la cosa all’Agcom.

L’azienda ha disposto una modifica del servizio di informazione fornito con i numeri 404 e 414 per i propri clienti ricaricabili e il 414, usato per conoscere il credito residuo della propria Sim, diventerà a pagamento con tariffazione secondo il piano della Sim. La Vodafone specifica, infatti, che i minuti inclusi nell’offerta non subiranno alcuna variazione, ma non comprenderanno le chiamate al 414.

Inoltre il servizio 404, per ricevere informazioni sul credito residuo e ultimo addebito tramite SMS, non sarà più attivo: la verifica da parte dell’utente potrà essere effettuata tramite accesso all’App My Vodafone o accedendo tramite login al sito Vodafone.it. 

La condotta di Vodafone viola palesemente la delibera dell’Agcom 252/16/Cons, “Misure a tutela degli utenti tesa a favorire la trasparenza e la comparazione delle condizioni economiche dell’offerta dei servizi di comunicazione elettronica”, che prevede l’obbligo da parte dell’azienda di fornire all’utente, gratuitamente, ogni informazione utile alla comparazione ed alla scelta consapevole dell’offerta.

In alternativa a questa modifica unilaterale, Vodafone offre agli utenti unicamente la possibilità di recedere dal contratto entro 30 giorni. In definitiva al cliente non viene data la possibilità di rimanere con il profilo tariffario scelto e concordato con il gestore mettendo così in atto non solo una pratica commerciale scorretta, ma anche un illecito, contravvenendo alla disposizione della delibera citata.

Per questo abbiamo segnalato all’AGCOM tale comportamento, invitando l’Autorità ad intervenire prontamente per sanzionare questo ennesimo intollerabile sopruso da parte della compagnia.

3 Commenti a “Vodafone fa pagare il servizio sul credito residuo, Feder: “Record di assurdità””

  1. giampaolo Trogu ha detto:

    Credo sia possibile valutare, in quanto sopra segnalato, un vero e proprio TENTATIVO DI ESTORSIONE! Che dite si può procedere?

  2. NINO ha detto:

    Una volta per tutte : I contratti non DEVONO ESSERE UNILATERALI infatti è ciò che succede nella realtà non solo con VODAFON MA ANCHE CON WIND che ha imposto un altro balzello col quale il mese non è più l’unità di misura ma 4 SETTIMANE così facendo si è creata un pagamento di 13 mesi l’anno e,ultima alternativa è che puoi recedere dal contratto. A questo punto è evidente che i gestori di telefonia STANNO FACENDO CARTELLO per ESTORCERE a loro piacimento denaro all’utenza che purtroppo è alla mercè di questi LADRI. Sarebbe ora che l’ANTITRUST intervenisse in MATERIA perché i CONTRATTI VENGANO RISPETTATI DALLE PARTI e si elimini questa possibilità di operare a solo vantaggio dei GESTORI.

  3. Rinaldin Franco ha detto:

    Secondo me VODAFONE è la società telefonica più assurda in tutta Italia!!! Forse perchè è inglese???