Allergie, SIAIC: più malati ma meno specialisti

La situazione dell’allergologia in Italia è grave: aumenta l’incidenza delle allergie, aumentano i prodotti che possono provocare la malattia, ma diminuiscono gli specialisti. Queste le urgenze e le priorità al centro del Congresso Sezione SIAIC (Società Italiana Allergologia e Immunologia Clinica) delle regioni Toscana, Emilia Romagna, San Marino, Umbria e Marche, che si è tenuto nei giorni scorsi. Trecento gli specialisti presenti, per confronti, dibattiti, studi e ricerche sulle allergie in Italia e nel mondo. Tra gli argomenti affrontati, la patologia psoriasica, farmaci biologici, sensibilizzazione alle proteine del grano, diagnostica molecolare e reazioni avverse ai farmaci.

La SIAIC, proprio per questo motivo, sta coinvolgendo gli assessori alla Salute delle singole regioni, a partire dalla Toscana, per sensibilizzare alla promozione di tali figure specialistiche, per agevolare sia i pazienti che le strutture ospedaliere. Il settore allergologico appare in via di estinzione: i giovani specialisti non vengono utilizzati per i loro studi ma vengono riciclati in altri settori, mentre i pensionati allergologi non vengano mai sostituiti. E spesso i giovani laureati decidono di lasciare l’Italia per ottenere quel lavoro per cui hanno studiato per anni.

Comments are closed.