Decesso al Policlinico Umberto I di Roma, TdM Lazio: fare luce al più presto

Ancora un caso di malasanità: una donna di 52 anni è morta al Policlinico Umberto I di Roma, in seguito ad un esame di routine, una semplice risonanza magnetica. Il sospetto è che la donna fosse allergica al liquido di contrasto utilizzato. Il coniuge ha presentato una denuncia ed è stato aperto un fascicolo d’indagine, ancora senza indagati, per chiarire cosa sia andato storto durante la procedura. “Esprimiamo massima solidarietà ai familiari per un episodio grave, e su cui chiediamo agli inquirenti di fare luce al più presto. Ci dichiariamo sin da ora a disposizione della famiglia per un sostegno legale”. Queste le dichiarazioni di Roberto Crea, segretario regionale di Cittadinanzattiva Lazio-Tribunale per i diritti del malato.

“L’episodio del Policlino richiama più in generale il tema della sicurezza non solo nella pratica chirurgica, ma appunto nella diagnostica, e dell’importanza del tema del consenso informato che non deve essere visto come una pratica burocratica, ma un momento fondamentale di informazione ai cittadini

Comments are closed.