Gioco d’azzardo, Codici: troppe vittime tra adulti e giovani

Il gioco d’azzardo è un vizio che purtroppo sta prendendo sempre più piede tra la popolazione italiana. Secondo dati del 2011 del Ministero della Salute, infatti, ben il 54% della popolazione italiana sarebbe costituita da giocatori d’azzardo. Il Codici da molto tempo è al fianco delle vittime con diverse campagne di informazione e assistenza. Sono moltissime le testimonianze di cittadini in difficoltà che si rivolgono al Codici per avere sostegno e assistenza, ma a volte anche solo per essere ascoltati, come quella di S., 41 anni romana, da 3 anni è affetta da G.A.P. Gioco d’Azzardo Patologico. Ha una bambina di 7 anni da mantenere, il compagno è cassa integrato. Non ce la fanno a tirare avanti con una casa in affitto e le varie spese. Il gioco è stato per lei prima una salvezza: una vincita di 1300 euro le ha permesso di pagare un mese di affitto e varie bollette, poi una tragedia. I soldi buttati alle slot machine sono tanti per una famiglia umile: circa 20mila euro.

Ma anche i giovani e gli adolescenti sono sempre più a rischio: secondo dati aggiornati al 2013, i giocatori tra gli studenti sono il 48.2%, tra questi il 6% risulta avere una condizione di gioco patologico (Dipartimento Politiche Antidroga della Presidenza del Consiglio). Intervistando un campione non rappresentativo di 600 studenti di età compresa tra i 12 ed i 18 anni, il Codici ha potuto constatare che  la problematica non è affatto da sottovalutare.

Il 25% degli studenti intervistati ha dichiarato di aver giocato almeno una volta nella vita alle slot machine; il 32% di farlo almeno 3 volte al mese; il 17% 1 volta a settimana, il 2,5% più volte a settimana, il 23,5% mai. Tra i giocatori più assidui c’è chi ha anche ammesso di aver chiesto, con una scusa, soldi in prestito, ai genitori, agli amici più intimi, ai fratelli, il 22%. I soldi vinti sarebbero serviti per acquistare telefonini, ricariche telefoniche, pagare le uscite al bar con gli amici.

Comments are closed.