Farmaci, Aifa in prima linea nella promozione degli equivalenti

Il consumo di farmaci equivalenti nel 2012 è aumentato del 10,6% rispetto all’anno precedente: la diffusione della cultura degli equivalenti va dunque promossa e l’Agenzia Italiana del Farmaco è costantemente impegnata in questa attività, attraverso iniziative informative capillari rivolte alla popolazione generale attraverso i nuovi media, con la conduzione di specifici progetti dedicati alla qualità e alla bioequivalenza dei farmaci. E’ quanto informa l’Aifa in una nota stampa nella quale precisa che “il lavoro incessante e scrupoloso di verifica e certificazione della qualità e dell’appropriatezza di tutti i farmaci, compreso gli equivalenti, che vengono prodotti e venduti nel nostro Paese, ha reso la filiera italiana del farmaco tra le più sicure del mondo occidentale”.

“L’attenzione specifica che l’Aifa rivolge alla promozione dei medicinali a brevetto scaduto, al punto da farne uno dei suoi mandati istituzionali, ha portato in pochi anni a un significativo incremento d’uso di tali prodotti testimoniato dall’ultimo Rapporto OsMed “L’uso dei farmaci in Italia”: nel 2012 i farmaci a brevetto scaduto hanno rappresentato il 62,1% delle dosi prescritte e il loro consumo è risultato in aumento del 10,6% rispetto al 2011”, prosegue l’Agenzia, denunciando che “ancora oggi ci sono soggetti che, per mancanza, ingiustificata, di conoscenze, alimentano quella disinformazione che ostacola la diffusione dei farmaci senza brevetto”.

Comments are closed.