Forum S@lute: premiati i migliori progetti di innovazione per la sanità

Il Forum dell’Innovazione per la Salute ha chiuso i battenti ieri con la premiazione dei sei migliori progetti presentati per “Premio Innova S@lute”, promosso da Forum P.A. e Allea con il supporto di Teva Italia.“Ormai è chiaro a tutti che il digitale è l’ecosistema in cui il settore della sanità si troverà a operare nel brevissimo futuro. È necessario che tutti gli operatori della filiera se ne rendano conto e smettano di pensare all’innovazione tecnologica come a un semplice tassello delle politiche per la salute”, ha dichiarato il Carlo Mochi Sismondi, presidente di FPA.

Nell’intervista rilasciata pochi giorni fa alla nostra redazione, il presidente Mochi aveva sottolineato l’importanza di portare i servizi dove sono i cittadini, creare una “Sanità a Km zero”. “Questo non si può fare senza utilizzare le nuove tecnologie che consentono di ridisegnare servizi e processi, rispondendo alle nuove richieste di assistenza e cura, usando meglio le risorse per fare di più con meno”, sottolinea Mochi.

La terza edizione di S@lute ha voluto dar voce ai molteplici aspetti dell’innovazione, favorendo la condivisione delle informazioni e l’incontro di visioni diverse”, ha affermato Alessandro Beulcke, presidente Allea. “L’elevato numero di richieste di partecipazione al contest Innova Salute- 112 progetti, con un incremento del 10% rispetto all’anno scorso- dimostra quanta sete di cambiamento ci sia”, aggiunge Beulcke.

Tra le regioni più attive e propositive figurano Lazio, Puglia e Piemonte.

Quando la trasformazione digitale si mette al servizio della salute incrementa l’efficacia dell’atto medico o assistenziale; garantisce un uso migliore dei soldi pubblici; stimola settori della nostra economia favorendo la creazione di imprese e generando posti di lavoro”, ha dichiarato a Help il presidente Mochi.

Il comparto salute – considerando l’intera filiera – produce in Italia 290 miliardi, il 9,4% del PIL, impiega 3,8 milioni di persone, il 16,5% del totale degli occupati del Paese. “Sono cifre impressionanti e sono destinate a crescere a causa dell’invecchiamento demografico e dell’aumento delle patologie croniche, basta pensare alle forme di assistenza non familiare nei casi di fragilità, non autosufficienza e disabilità. Il comparto salute è capace da solo di condizionare lo sviluppo economico e l’attrattività del nostro Paese”.

I premiati di quest’anno per le sei categorie del contest sono:

  • Ambito comunicazione con cittadini ed utenti: Club degli Innovatori Sanità a km Zero – Regione del Veneto Arsenàl.IT
  • Ambito integrazione socio-sanitaria; medicina di prossimità e presa in carico degli anziani, dei cronici e delle fasce deboli: Integrazione socio-sanitaria al servizio dei cittadini – Azienda Sanitaria Locale della Provincia di Taranto
  • Ambito educazione alla salute e al wellbeing (educazione alimentare, fitness, monitoraggio, wearable, ecc.): MyCyFAPP – imaginary srl
  • Ambito Innovazione nel campo clinico-sanitario: Bambini liberi – Fondazione Santobono Pausilipon onlus
  • Ambito amministrativo/gestionale: LogOs® Logistica Ospedaliera Integrata – Zanardo Servizi Logistici
  • Ambito infrastruttura di comunicazione e collaborazione tra strutture, professionisti e amministrazioni: ADIGest – THCS – Telemedicine for Health Care Solutions.

Comments are closed.