Riforma piccoli ospedali, Anaao Assomed: non senza i medici

L’Associazione dei medici dirigenti (Anaao Assomed) interviene sui progetti di riconversione dei piccoli ospedali: non si riforma la sanità senza i medici, spiega l’associazione. All’origine dell’intervento l’annuncio dato dal Ministro della salute, Beatrice Lorenzin, che prendendo spunto da recenti fatti di cronaca, vuole avviare la riconversione dei piccoli ospedali perché non sarebbero in grado di fornire un’assistenza di qualità. Il Ministro ha comunicato, attraverso la stampa, che “è già pronto il documento che ridisegna la sanità in Italia”.

“Non crede sia poco credibile, se non illusorio, riorganizzare la sanità italiana senza, o peggio, contro i Medici e le altre professionalità del mondo sanitario, sistematicamente esclusi dai confronti sul Patto per la Salute?”, domandano i Medici, che sottolineano come l’interesse primario del personale sanitario sia quello di “poter lavorare in sicurezza, sia per curare al meglio i malati sia per dare serenità a tutti gli operatori che lavorano in ospedale.Il numero dei posti letto – afferma la sigla – di per sé non è un indice di sicurezza o di qualità delle prestazioni erogate. Lo è invece avere standard organizzativi adeguati sia di personale sia di servizi, correlandoli alle popolazioni di riferimento del singolo ospedale e quindi alla casistica afferente”.

Comments are closed.