Sanità, allarme caro ticket. Cittadinanzattiva: si rischia crollo SSN

“Nel luglio 2011, con la campagna Sos Ticket, avevamo denunciato il rischio che l’introduzione dei superticket avrebbe danneggiato i diritti dei cittadini e il Servizio Sanitario Nazionale. I dati diffusi da Agenas confermano quei nostri timori, rendendoli evidenti con la forza dei numeri. Non possiamo che condividere l’allarme lanciato dal Presidente di Agenas Bissoni”. Questo il commento di Antonio Gaudioso, segretario generale di Cittadinanzattiva-Tribunale per i diritti del malato, sui dati diffusi ieri dall’Agenzia nazionale per i servizi sanitari secondo cui se il 1 gennaio 2014 entrano in vigore i 2 miliardi di nuovi ticket, da aggiungere agli attuali 2,2, si rischia per visite ed esami un ‘salasso’ di 350 euro a testa, contro gli attuali 150. L’Agenas non esita a lanciare un vero e proprio allarme sociale: si tratta, infatti, di “impatto che il sistema non sarebbe in grado di leggere, se non si amplia la platea dei paganti, visto che gli italiani non esenti sono circa il 25%”. 

Secondo Cittadinanzattiva “è urgente l’apertura da parte del Ministro della Salute, non solo ad un confronto con le Regioni, ma anche con i cittadini e le organizzazioni civiche, a meno che l’intenzione non sia quella di voler mettere la parola fine al nostro modello di SSN, improntato all’universalismo e accessibilità. Quanto peseranno sul nostro servizio sanitario in futuro le rinunce a curarsi che i cittadini fanno oggi?”

“Il paventato nuovo aumento dei ticket dal 2014 andrebbe ad aggiungersi ad ulteriori sacrifici che saranno richiesti ancora una volta ai cittadini onesti su altri fronti, come Tares, IMU, compartecipazione alle spese per l’istruzione”, ha aggiunto ancora Gaudioso. “Un salasso che come dimostrano anche i dati di oggi, porterà gli italiani a curarsi meno e ad incidere in futuro di più sulle casse dello Stato. E’ arrivato il momento di smetterla di ricorrere sempre alle tasche dei cittadini, o a politiche di riduzioni lineari del finanziamento alle politiche sociali e sanitarie, mettendo in campo una seria politica di lotta agli sprechi e alle tante caste che nel nostro Paese in questa crisi gravissima non solo continuano a vivere, ma prosperano allegramente.

“E’ necessario recuperare la cultura della programmazione, in particolar modo nel settore socio-sanitario”, ha concluso Gaudioso, “I cittadini stanno pagando da anni un welfare che abbiamo definito insostenibilimente leggero, come testimonia la spesa di circa 14000 euro medi annui a cui devono far fronte le famiglie con persone affette da una patologia cronica o rara”.

 

Un commento a “Sanità, allarme caro ticket. Cittadinanzattiva: si rischia crollo SSN”

  1. NINO ha detto:

    Oltre che lamentarci cosa si può fare per evitare che questi salassi siano facile preda delle istituzioni che pensano prima a strapagarsi stipendi,diarie,autoblu,guardie del corpo ecc.ecc.?e mai pensano a chi non è più in grado di sopravvivere tanto da fare gesti inconsulti fino a sparare contro i carabinieri che,fra l’altro sono anchessi vittime delle istituzioni?