Aeeg: al via riforma tariffe di rete e oneri di sistema

Responsabilizzare i consumatori finali rispetto ai costi dei servizi di cui fruiscono. E’ questo l’obiettivo della riforma delle tariffe elettriche di trasmissione, distribuzione e misura nonché della revisione dell’articolazione degli oneri generali di sistema cui ha dato il via l’Autorità per l’energia. La delibera 204/2013/R/EEL promuove l’utilizzo delle fonti rinnovabili, l’efficienza, l’innovazione tecnologica e l’uso razionale delle risorse, consentendo il miglior utilizzo dell’energia elettrica negli usi domestici, attraverso un maggior allineamento delle tariffe ai costi effettivi del servizio.

Il procedimento di riforma sarà condotto con ampio coinvolgimento delle associazioni dei consumatori domestici e con iniziative sperimentali di notice & comment rivolte a larghe fasce di clienti finali come da prassi di questa Autorità. Nello specifico, per arrivare ad una nuova tariffa, in grado di spingere sull’efficienza, le rinnovabili e l’innovazione, adeguata ai mutamenti in atto e alle nuove regole nazionali e internazionali, l’Autorità ha delineato un percorso che prevede successivi provvedimenti; fra questi, consultazioni, audizioni pubbliche, prevedendo un’approfondita valutazione di impatto regolatorio (AIR) e l’analisi comparata delle soluzioni adottate in altri paesi, in particolare, tra quelli maggiori dell’Ue e più affini all’Italia, nonché uno studio per raggiungere obiettivi di maggiore efficienza e di adeguamento all’utilizzo e sviluppo delle rinnovabili.

Il procedimento dovrebbe concludersi entro il 2015, ma nel frattempo potranno essere introdotte alcune tariffe specifiche già dal prossimo anno, da un lato per anticipare in parte la direttiva 2012/27/UE sull’efficienza energetica che l’Italia dovrà recepire entro il 2014 e, dall’altro, per attuare con gradualità il decreto sull’incentivazione dell’energia termica da fonti rinnovabili; tale decreto (decreto 28 dicembre 2012) promuove la diffusione degli impianti di climatizzazione e scaldacqua che utilizzano pompe di calore elettriche per la riduzione delle emissioni inquinanti locali, favorendo anche il raggiungimento degli obiettivi del decreto ministeriale del 15 marzo 2012 sulle fonti rinnovabili.

Comments are closed.