Diritti TV calcio, Antitrust: nessun abuso posizione dominante di Sky

L’Antitrust ha deciso: non ci sono le condizioni per contestare a Sky un abuso di posizione dominante nell’acquisizione dei diritti Tv per le partite di calcio della Champions League, nelle stagioni dal 2012 al 2015, e dei Mondiali 2010 e 2014. Rispetto alla Champions, Sky ha sub-licenziato i diritti a RTI, per due delle tre stagioni detenute (2012-13 e 2013-14); per i Mondiali non ci sono evidenze sufficienti a dimostrare che l’esclusiva di Sky sui diritti rappresenti un ostacolo alla concorrenza.

E’ quanto ha concluso l’Antitrust chiudendo l’istruttoria avviata nei confronti di Sky a novembre 2010 sui diritti Tv per i Mondiali ed estesa a luglio 2011 all’acquisizione dei diritti tv per la Champions League per le stagioni 2012-2015.

Secondo l’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato, in particolare:

  1. per la Uefa Champions League è emerso che l’acquisizione in esclusiva per tutte le piattaforme trasmissive dei relativi diritti per le stagioni 2012-2015 è derivata da un confronto competitivo tra gli operatori televisivi interessati, nell’ambito di una procedura che prevedeva l’assegnazione secondo un approccio a piattaforma neutrale, ossia con pacchetti di diritti trasmissivi esercitabili su tutte le piattaforme televisive. Dopo l’ampliamento dell’istruttoria deliberato dall’Antitrust, Sky ha inoltre sub-licenziato i diritti audiovisivi relativi alla Uefa Champions League, con l’approvazione di Uefa, all’unico concorrente nella pay-tv, RTI, per due delle tre stagioni da essa detenute (2012-13 e 2013-14). Pertanto, la totalità dei diritti trasmissivi relativi a tale competizione è attualmente disponibile in modalità a pagamento sia su piattaforma DTT che su piattaforma satellitare, ferma restando la trasmissione in chiaro del miglior incontro del mercoledì da parte di RTI. Non c’è inoltre ragione di escludere la possibilità che i due operatori giungano ad un accordo per la sub-licenza dei diritti di trasmissione anche in relazione alla terza stagione.
  2. per i Mondiali di calcio 2010 e 2014, gli elementi acquisiti nel corso dell’istruttoria non sono sufficienti a dimostrare che la detenzione in esclusiva da parte di SKY dei diritti di trasmissione Tv sia idonea a rappresentare un ostacolo effettivo alla concorrenza di altri operatori nell’offerta di servizi televisivi a pagamento e che sia parte di un disegno di esclusione dal mercato dei concorrenti.

Inoltre, la visione in chiaro dei principali incontri di tale competizione è assicurata dalla Direttiva comunitaria “Televisione senza frontiere”. L’analisi delle serie storiche mensili del numero degli abbonati ai diversi pacchetti offerti da SKY ha peraltro mostrato che la disponibilità dei Mondiali di calcio in capo all’operatore satellitare non ha generato un aumento significativo di abbonamenti.

Un commento a “Diritti TV calcio, Antitrust: nessun abuso posizione dominante di Sky”

  1. NINO ha detto:

    Più che a SKY che fa il suo mestiere di carattere commerciale e quindi “compete” per avere il primato ciò che è da contestare è alla RAI l’incapacità di gestire le sue reti in modo intelligente visto che il canone se lo incassa propinandoci programmi scadenti,ignoranti,stupidi,inutili salvo qualcuno di Rai3.Si dovrebbe eliminare il canone(TASSA) e dovrebbe competere con le TV private come avviene in tutti gli altri Stati europei.