Pratica commerciale scorretta, CRTCU segnala GDF Suez all’Antitrust

Il Centro di ricerca e tutela consumatori e utenti di Trento ha segnalato la GDF Suez all’Antitrust per pratica commerciale scorretta. Nell’ultimo periodo sono giunte all’Associazione tante segnalazioni da parte di utenti che contestano il comportamento della società: nonostante siano stati inviati vari reclami, anche per mezzo del CRTCU, l’azienda non ha risposto. “Comportamento molto grave: oltre a non rispettare delibere dell’Autorità per l’energia elettrica e il gas, impedisce ai consumatori di far valere i propri diritti”.

Per questo l’Associazione ha inviato all’Antitrust una segnalazione per pratica commerciale scorretta in quanto tale comportamento contravviene all’obbligo di diligenza professionale del venditore. Si invitano i consumatori che avessero questo problema a segnalarlo al CRTCU dove i consulenti sono a disposizione per informazioni e consulenze presso la sede di Piazza R. Sanzio n.3.

L’Associazione elenca i frequenti disservizi che affliggono gli utenti nel settore dell’energia elettrica e il gas: contratti non richiesti, doppie fatturazioni, fatture spropositate o fatture che invece per un anno non arrivano. Il CRTCU ricorda che la prima cosa da fare in questi casi è inviare alla società un reclamo scritto con il quale si espone la problematica, nel modo più preciso possibile, indicando i dati della fornitura e dell’utente ed eventualmente della fattura contestata. È consigliabile l’utilizzo degli appositi moduli reclamo presenti sui siti delle varie società di vendita da inviare nelle modalità specificate sugli stessi. Sul sito centroconsumatori.tn.it è disponibile, alla sezione lettere tipo, una mini guida sui reclami in materia di energia.

Dopo avere ricevuto il reclamo, la società è tenuta ai sensi della delibera TIQV dell’Autorità per l’energia elettrica ed il gas ad inviare una risposta scritta e motivata al consumatore entro 40 giorni solari. La stessa delibera prevede, per i casi in cui tali termini non vengano rispettati, degli indennizzi automatici che vanno dai 20 ai 60 euro in base al prolungarsi del ritardo stesso. Tali importi devono andare in detrazione dall’importo addebitato nella prima fattura utile ed in ogni caso devono essere corrisposti entro otto mesi dal ricevimento del reclamo del consumatore.

Un commento a “Pratica commerciale scorretta, CRTCU segnala GDF Suez all’Antitrust”

  1. gialdi alberto ha detto:

    sono stato messo sotto contratto senza averne fatto richiesta come devo comportarmi ?