Inquinamento onde elettromagnetiche: nasce “Antenna Partecipata” a Modica

Si dibatte da tempo sull’ipotesi che l’esposizione ai campi elettromagnetici magnetici generati dalle antenne di telefonia possa essere o meno dannosa per la salute. Non avendo dati scientifici certi a riguardo dovrebbe prevalere quello che viene chiamato principio di precauzione in base al quale “Quando la valutazione scientifica degli effetti potenzialmente dannosi di un fenomeno, di un prodotto o di un processo non consente di determinare i rischi e i pericoli con sufficiente certezza, si adottino tutte le misure idonee a limitare tali rischi e pericoli”.

A partire da questo assunto, nasce a Modica il Comitato Cittadino “Antenna Partecipata”, con il proposito di coinvolgere singoli cittadini, associazioni, movimenti e gruppi vari nella costruzione di percorsi partecipati che abbiano come obiettivo il raggiungimento di decisioni responsabili e ponderate in materia di installazioni di antenne per la telefonia mobile e strumentazioni simili che, seppur utili e necessarie, possano, anche solo potenzialmente, avere effetti nocivi sulla salute pubblica.

Il Comitato si propone di aprire un dialogo costruttivo e propositivo con le istituzioni comunali, con gli enti preposti al controllo e con le aziende di telefonia mobile attraverso il quale si riesca a trovare un punto di incontro tra i diversi interessi rappresentati, senza dimenticare quello superiore della tutela della salute pubblica.

“Seppure, oggi, il tema degli effetti sulla salute legati all’esposizione a campi elettromagnetici sia ben lontano dal trovare uniformità di vedute tra gli studiosi, riteniamo che le indicazioni fornite dalle principali agenzie scientifiche mondiali siano sufficienti ad indurre comportamenti improntati a grande cautela e prudenza”, dichiarano dal Comitato.

Diverse sono le realtà associative che, assieme a singoli cittadini, hanno dato vita al Comitato “Antenna Partecipata” e, in particolare, alla costituzione hanno preso parte: i gruppi scout AGESCI Modica 1 e Modica 2, il circolo Legambiente “Il Melograno” di Modica, il Movimento Difesa del Cittadino di Modica, il movimento ambientalista Fare Verde di Modica, il MASCI – Movimento Adulti Scout Cattolici Italiani di Modica e il movimento politico Una Nuova prospettiva di Modica.

Il Comitato è aperto a quanti ritengono di condividerne gli obiettivi ed è disponibile ad incontrare gruppi di cittadini, associazioni, istituzioni scolastiche e quanti fossero interessati a conoscere il tema e le possibili iniziative a carattere educativo e precauzionale che si possono attivare.

Comments are closed.