Macchinisti denunciano: Frecciargento perde porta in corsa

La denuncia è dell’associazione dei macchinisti “Ancora in marcia”: il Frecciargento Roma-Brescia di due giorni fa ha perso una porta in corsa, mentre viaggiava a 250 km orari, in una galleria. La porta si sarebbe aperta in velocità dalla penultima vettura di prima classe. Sulla vicenda sta indagando la Procura di Montepulciano.

“Puntuale, il problema delle ‘porte killer‘ si conferma in tutta la sua drammatica attualità come una delle lacune della sicurezza ferroviaria”, afferma l’associazione. L’incidente si è verificato sull’Etr 485/36 del treno Eurostar, Frecciargento 9482, partito il 27 febbraio intorno alle 18.30 da Roma e diretto a Brescia, all’ingresso di un tunnel in Valdichiana, fra Chiusi e il tratto aretino della Direttissima, nella galleria della Casella. La porta si sarebbe staccata e sarebbe volata via. Questo tipo di incidente non è nuovo per i treni Frecciargento, e se confermato avrebbe messo a rischi la sicurezza dei treni e delle persone”, affermano i macchinisti.

La circolazione sulla linea è stata prima interrotta, poi i viaggiatori anno proseguito il viaggio con due ore di ritardo e su un altro treno. Denuncia Ancora in Marcia: “Anche questa volta, fortunatamente, non ci sono state conseguenze per le persone ma negli ultimi anni le porte killer sono state la maggiore causa di infortuni tra i viaggiatori, con numerosi morti, molti mutilati e centinaia di feriti meno gravi. Questo è un incidente che dimostra, se ce ne fosse ancora bisogno, che Trenitalia deve ancora lavorare molto sulla sicurezza, magari risparmiando sulle pubblicità ed i lustrini”.

I macchinisti chiedono inoltre all’Agenzia nazionale per la sicurezza delle ferrovie, che solo qualche giorno fa ha presentato la Relazione sulla sicurezza, di “imporre misure più severe per la manutenzione delle porte dei treni”.

Comments are closed.