MasterCard, nuova indagine della Commissione UE su tariffe interbancarie

MasterCard torna nel mirino di Bruxelles: la Commissione europea apre un’indagine formale per verificare se le tariffe interbancarie applicate da MasterCard siano in linea con le norme della concorrenza nello spazio economico Ue e non configurino un abuso di posizione dominante. “Le carte di pagamento sono di importanza cruciale per il mercato unico, soprattutto per gli acquisti su web, perciò è prioritario per Bruxelles prevenire le distorsioni su tariffe e altre condizioni”, si legge nella nota della Commissione.

Nel 2007 la Commissione aveva già proibito alcune tariffe applicate da MasterCard. L’indagine aperta oggi guarda alle tariffe interbancarie applicate ai possessori di carte di Paesi extra UE. Si tratta di tariffe applicate, ad esempio, quando un turista americano usa la sua Mastercard per fare un acquisto nell’Unione Europea.

Nel mirino anche tutte le regole sugli acquisti transnazionali nel sistema Mastercard che limitano la possibilità per un acquirente di beneficiare di migliori condizioni offerte dalle banche che si trovano altrove nel mercato unico. “Le tariffe interbancarie sono generalmente riversate sugli acquirenti, e portano a costi più elevati per loro”, spiega la Commissione, che teme che “tale comportamento può danneggiare i consumatori e rallentare gli acquisti transnazionali”.

 

Comments are closed.