MDC Roma Ovest: SOS Equitalia, raffica di successi a tutela dei cittadini

Verbali e cartelle esattoriali illegittimi, annullamenti di fermi amministrativi, condanna di Equitalia al pagamento delle spese processuali e di lite: sono tanti i casi di vittoria dei cittadini contro palesi ingiustizie di Equitalia, collezionate dallo sportello SOS Equitalia aperto e gestito dalla sede territoriale del Movimento Difesa del Cittadino di Roma Ovest a tutela dei cittadini, assistiti dall’avvocato Dalila Loiacono. Ma c’è ancora molto da fare per avere un “fisco amico”.

Lunga la lista degli esempi che, commenta l’avvocato Loiacono, “devono convincere i cittadini ad avere fiducia nell’intervento delle associazioni consumatori, attraverso sportelli specializzati come “SOS Equitalia”, attivato da MDC nazionale e gestito dalla sede di MDC Roma Ovest. Nonostante tante promesse di trasparenza ed efficienza, c’è ancora molto da fare per un “fisco amico”, giusto e non inutilmente vessatorio, implacabile con chi evade ma comprensivo con chi è in stato di bisogno e vuole soltanto una dilazione nei pagamenti”.

Quali dunque i successi raccolti? In accoglimento dell’opposizione all’esecuzione, formulata da una cittadina contro le ingiuste pretese di Roma Capitale ed Equitalia, il Giudice di Pace di Roma ha annullato (sentenza n. 54269/2012), il provvedimento di fermo amministrativo gravante sull’autovettura e le sottese cartelle esattoriali. L’Ente impositore ed Equitalia sono stati condannati alla refusione delle spese di lite. La notifica dei verbali di accertamento di violazione “per compiuta giacenza” è stata ritenuta illegittima in quanto l’avviso di ricevimento era privo di indicazione circa il compimento delle formalità prescritte dalla legge qualora il plico non possa essere consegnato al destinatario o alla persona abilitata a riceverlo in sua vece.

Con un’altra sentenza (n. 2065/13), il Giudice di Pace di Roma, dopo che un malcapitato cittadino si era rivolto allo Sportello MDC Roma Ovest, ha dichiarato la prescrizione del credito vantato da Roma Capitale. La cartella di pagamento era stata infatti notificata da Equitalia oltre il termine di 5 anni dalla data di commissione delle violazioni al Codice della Strada. Anche qui Roma Capitale ed Equitalia sono state condannate alla refusione delle spese di lite.

E ancora: a Roma ben tre cartelle esattoriali annullate, recapitate ad un ignaro cittadino, al quale non erano mai stati notificati i relativi verbali di infrazione al Codice della Strada; a Viterbo una cartella esattoriale annullata perché non preceduta dalla necessaria notifica del verbale di accertamento presupposto. La lista si conclude con il clamoroso annullamento di un preavviso di fermo amministrativo e di ben dodici cartelle esattoriali presupposte con sentenza n. 20818/13 del Giudice di Pace di Roma il quale ha accolto in pieno le ragioni spiegate dalla cittadina, dichiarando non provata la conformità della documentazione depositata da Equitalia a sostegno della propria pretesa e condannando, anche in tal caso, l’Ente al pagamento delle spese processuali.

Lo sportello “Sos Equitalia” è aperto per raccogliere segnalazioni dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 13 e dalle 15 alle 19 al numero 06/88642693, è possibile inoltre inviare una mail per richiedere assistenza all’indirizzo segreteria@mdcromaovest.it.

Comments are closed.