Nuova Sars, i casi salgono a 10 (tutti in Toscana)

Sale a 10 (tutti in Toscana) il numero di persone che hanno contratto il virus della nuova Sars, denominato Mers (Middle-East Respiratory Sindrome). Da martedì scorso l’Ospedale di Careggi di Firenze è alle prese con il nuovo virus: il primo caso è stato un uomo giordano di 45 anni, che ha poi contagiato la nipotina e una collega di lavoro. Da ieri i contagi sono diventati 10: si tratta di persone risultate positive al test del nuova virus, ma in una situazione asintomatica.
I campioni sono stati inviati all’Istituto Superiore di Sanità per conferma. Sembra che il virus sia facilmente degradabile quindi nell’aria non rimane a lungo, anche se si trasmette anche attraverso uno starnuto. Si sta cercando di capire meglio che forma di virus sia visto che non segue lo schema indicato dall’Organizzazione Mondiale della Sanità: invece di essere un virus fortemente aggressivo, ma difficilmente trasmissibile, sembra essere esattamente il contrario.

“I casi di Sars verificatisi recentemente hanno rivelato una nuova forma di contagio, privo di evidenti sintomatologie – scrive Federconsumatori in una nota – Di fronte a tali novità è fondamentale il ruolo della comunità  scientifica, che deve dare indicazioni chiare e tempestive ai cittadini, indicando i comportamenti da assumere in questi casi. Ora più che mai è necessario garantire ai cittadini diagnosi rapide e terapie efficaci, che si devono inserire in un quadro di prevenzione e verifiche continue”. Per garantire la sicurezza e la salute dei cittadini, Federconsumatori chiede all’intera comunità scientifica di accelerare sia i tempi di accertamento circa le modalità di contagio, sia quelli di verifica dell’efficacia delle terapie. È necessario, infatti, che le autorità sanitarie mettano in atto uno sforzo costante per comunicare ai cittadini i risultati dei controlli e delle verifiche, tenendoli aggiornati anche sulla diffusione del contagio.

Comments are closed.