Pellet, si prevede aumento Iva. Consumatori: 50 euro in più a famiglia

Sta facendo discutere, e non poteva essere altrimenti, la misura prevista dal Governo di aumentare l’Iva sul pellet, il combustibile da riscaldamento ricavato dalla segatura, dal 10% al 22%. L’aggravio stimato dalle associazioni dei consumatori sarà di circa 50 euro più l’anno a famiglia e la polemica riguarda anche il fatto che questa misura andrà a colpire nuclei familiari che avevano investito in tale forma di riscaldamento, nonché famiglie a basso reddito.

Intollerabile la decisione di aumentare dal 10% al 22% dell’IVA sul pellet. Un materiale legnoso che serve ad alimentare le stufe, che oltre 2 milioni di famiglie italiane (soprattutto quelle a basso reddito) hanno adottato per ridurre le spese per il riscaldamento – dicono in una nota Federconsumatori e Adusbef – Le numerose famiglie che hanno usufruito degli incentivi investendo su tale sistema di riscaldamento, si sentono ora tradite ed ingannate”.

“Il Governo con una mano dà e con l’altra è sempre pronto a togliere”, si lamentano i cittadini che si stanno rivolgendo agli sportelli delle associazioni per denunciare l’impatto di questo provvedimento. Con l’aumento dell’imposta sul valore aggiunto, l’aggravio sarà di circa 50 euro a famiglia. “Il danno sarà grande anche per l’ambiente: il pellet infatti contribuisce alla riduzione dell’utilizzo delle stufe alimentate con gasolio o gpl – sottolineano le due associazioni – Chiediamo con urgenza un passo indietro del Governo. Non è ammissibile l’avvio di una misura che, come è evidente, andrà a colpire molte famiglie in difficoltà”.

Un commento a “Pellet, si prevede aumento Iva. Consumatori: 50 euro in più a famiglia”

  1. Alex ha detto:

    Una Vergogna !! Ma che classe politica ed istituzionale abbiamo, iniziando dal Presidente della Repubblica e giù, giuù ??