Precompilata 2019, si parte oggi: come consultare il modello della dichiarazione

Dichiarazione precompilata 2019 ai nastri di partenza. Da questo pomeriggio infatti sarà disponibile online il modello 730 che potrà essere accettato o integrato e inviato via web a partire dal 2 maggio fino al 23 luglio. Per visualizzare il proprio modello di precompilata bastano pochi semplici passaggi. Vediamo quindi come procedere. Innanzitutto bisogna andare sul sito dell’Agenzia delle Entrate muniti delle proprie credenziali di accesso all’area personale. Per “aprire le porte” della dichiarazione si può usare lo Spid (il sistema unico di accesso ai servizi online della pubblica amministrazione), oppure sfruttare le credenziali d’accesso per i servizi Fisconline dell’Agenzia delle Entrate oppure quelle rilasciate dall’Inps. Come ultima possibilità vi è anche l’accesso tramite Carta nazionale dei servizi (Cns).

Una volta dentro la propria area riservata, il passo successivo è quello di controllare tutti i dati presenti e quindi accettarli così come sono oppure integrarli prima dell’invio. Per questa operazione ci si può rivolgere ad un Caf o ad un professionista.

Da quest’anno, è prevista, a partire dal 10 maggio, la possibilità di scegliere la modalità di compilazione semplificata, in alternativa alla modalità tradizionale, per modificare in maniera guidata tutto il quadro E della dichiarazione, per esempio per aggiungere un onere detraibile o deducibile che non compare tra quelli già inseriti dall’Agenzia o modificare gli importi delle spese sostenute. Sarà quindi possibile intervenire in modalità guidata su tutti i dati del quadro, aggiungendo, eliminando o modificando, tra gli altri, anche gli importi relativi alle spese che danno diritto agli sconti fiscali per le ristrutturazioni, per il risparmio energetico, per l’acquisto di mobili ed elettrodomestici e al bonus verde. Una volta fatte le modifiche, sarà il sistema a ricalcolare in automatico gli oneri detraibili e deducibili, sulla base dei nuovi dati e di eventuali limiti previsti dalla legge, e a inserire il totale nei campi del quadro E.

Come si può osservare, il modello di quest’anno contiene, oltre ai dati già in possesso dell’Agenzia delle Entrate, anche quelli provenienti da enti esterni (studi medici, farmacie, banche, assicurazioni università, ecc.) e dai datori di lavoro tramite le certificazioni uniche. Saranno inoltre già presenti i dati relativi alle spese su parti comuni condominiali che danno diritto al bonus verde e le somme versate dal 1° gennaio 2018 per assicurazioni contro le calamità, stipulate per immobili a uso abitativo.

Complessivamente, il paniere dei dati pre-compilati raggiunge quota 960 milioni e supera del +3,8% il totale dei dati caricati nel 2018.

Sul canale YouTube dell’Agenzia è online un breve video di presentazione della precompilata, con le principali novità e le date da ricordare. È inoltre consultabile un sito internet dedicato, all’indirizzo https://infoprecompilata.agenziaentrate.gov.it, dove sono presenti tante informazioni utili: i passi da seguire fino all’invio e le risposte alle domande più frequenti.

 

Comments are closed.