Stop a farmaci Geymonat, Codici: “Ministero autorizzi il cambio in farmacia”

E’ di ieri la notizia del divieto cautelativo emanato dall’Agenzia Italiana del Farmaco sull’uso di 9 farmaci della Geymonat, che riporterebbero difetti di qualità: presenza di un quantitativo di principio attivo inferiore a quello approvato e indicato in etichetta. Il Codici invita tutti i cittadini in possesso di farmaci in scadenza a rivolgersi all’Associazione per gli eventuali risarcimenti ed annuncia che farà istanza di accesso agli atti per monitorare la vicenda e vedere come va a finire.

L’Associazione dei consumatori ricorda che sempre la Geymonat era finita sotto i riflettori a giugno per la vicenda Ozopulmin: i Nas avevano seguestrato diversi lotti delle supposte per neonati prodotte dall’azienda. Il motivo? Non contenevano il principio attivo quindi non servivano a curare la tosse dei bambini.

“Oggi i cittadini stanno subendo un grave disagio di cui non hanno colpa, visto che non possono utilizzare i farmaci che hanno acquistato. Per questo motivo il Ministero della Salute deve attivarsi per ridurre l’incomodo autorizzando il cambio dei farmaci sopra citati con altri prodotti alternativi, affinchè i consumatori possano usufruire dei farmaci di cui hanno bisogno – commenta Ivano Giacomelli, Segretario Nazionale del Codici – Inoltre, se nel periodo delle indagini, anche se queste proveranno l’assenza di pericoli per la salute, i farmaci in possesso dei consumatori oltrepassano la data di scadenza, questi ultimi devono venir risarciti del costo del prodotto”. Il Codici invita quindi tutti i cittadini in possesso di farmaci in scadenza a rivolgersi all’Associazione per gli eventuali risarcimenti. Infine, si informa che il Codici farà istanza di accesso agli atti per monitorare la vicenda e verificare gli esiti della questione. 

Comments are closed.